Due discoteche “spengono le luci”

0
35

La polizia di Ostia aveva chiesto la chiusura di quattro discoteche. Il neo-Questore di Roma, Fulvio Della Rocca ne ha spente due. Almeno per ora. I provvedimenti nel mondo della movida lidense sono scattati in queste ore, a seguito dei numerosi episodi di violenza accertati fuori dai locali notturni.

Gli agenti del commissariato di via Zerbi hanno dato esecuzione a due provvedimenti di chiusura, emessi dal Questore, nei confronti del Barkabar e del Faber Beach. Il primo per motivi di ordine pubblico: il gestore della disco ha ricevuto una notifica di sospensione dell’attività di 90 giorni. Mentre per il “Faber Beach”, nota spiaggia libera attrezzata sul lungomare di Ponente, è stato emesso un provvedimento di cessazione attività per aver aperto un locale di pubblico spettacolo in assenza di licenza e per il mancato rispetto delle prescrizioni di legge tendenti a tutelare la sicurezza delle persone che affluiscono in un ambiente destinato a pubblici spettacoli.

Sul fronte della prevenzione inoltre, sempre nell’ambito dei controlli sulla movida violenta, si è svolta ieri una riunione operativa interforze in commissariato, per coordinare il monitoraggio del fenomeno. Il presidente del Municipio XIII, Giacomo Vizzani, è pronto a ulteriori provvedimenti: dati dell’Arpa Lazio alla mano, in arrivo in queste ore, potrà decidere se spegnere la musica alle 2 invece che alle 4.30 e ritirare le licenze per spettacoli musicali per le discoteche fracassone.

Valeria Costantini