Movida, sigilli a terza discoteca

0
27

I sigilli per la terza discoteca erano stati annunciati e infatti sono scattati. A chiudere i battenti dopo Barkabar e Faber Beach, ieri è stata l'Oasi. Gli agenti della polizia di Ostia hanno notificato ai titolari del locale notturno sul lungomare Amerigo Vespucci, l'esecuzione del provvedimento del questore Fulvio Della Rocca, che ha decretato la sospensione della licenza per la durata di giorni 20 con conseguente chiusura.

La disco era già stata segnalata per irregolarità in seguito ai controlli effettuati dal commissariato di Ostia: un luogo diventato, secondo gli accertamenti, protagonista di vari episodi turbativi della sicurezza pubblica, culminati il 15 luglio scorso con una rissa e due feriti medicati all'ospedale Grassi. In un altro caso, una coppia di fidanzati ed un giovane, erano stati malmenati con calci e pugni da un addetto alla sicurezza, evento tuttora al centro di indagini. Durante i controlli del territorio la polizia ha anche fermato quindici prostitute al lavoro sulle strade del mare e in pieno giorno.

Le extracomunitarie sono state denunciate e saranno espulse; per le comunitarie è scattata la procedura per l’allontanamento dal territorio nazionale per motivi di ordine pubblico. Alcune sono state multate con 1400 euro per violazione dell’ordinanza sindacale che vieta comportamenti diretti in modo non equivoco ad offrire prestazioni sessuali. Sempre in spiaggia sono stati bloccati per rapina impropria, tre giovani, di cui due minorenni, che avevano appena sottratto un cellulare e un portafogli dopo aver rivolto delle minacce ad una coppietta.

Valeria Costantini