Tornano gli anarchici: attacco a banche

0
44

Nuovo attacco degli anarchici alle banche di Frascati. La cittadina tuscolana viene ancora una volta presa di mira con un attentato incendiario dopo l'episodio avvenuto lo scorso dicembre quando fu danneggiato il bancomat della filiale della Deutsche Bank in piazza San Pietro e distrutto quello della Banca Popolare di Sondrio in via Cairoli.

Pochi giorni prima, tra l'altro, un atto simile coinvolse il bancomat della Unicredit di piazza Roma, ieri completamente distrutto dalle fiamme scatenatesi dallo scoppio di una molotov. Poco più in là è stato danneggiato (con un'altra bottiglia incendiaria) anche lo sportello della filiale Bnl di via Cesare Battisti. Il “raid” degli anarchici, che hanno imbrattato anche diversi muri con scritte come “La terra vale più del vostro denaro” o “Anarchia, terra selvaggia”, è scattato attorno alle 3 quando la zona del centro storico di Frascati era praticamente deserta: una vera e propria “sfida”, quella degli anarchici, di nuovo “protagonisti” con le loro scorribande nella zona centrale della città. Immediato l'intervento dei vigili del fuoco e dei carabinieri della compagnia di Frascati che si occupano delle indagini. Sul posto anche la polizia scientifica di Velletri per i rilievi del caso.

Allo stato attuale non sembrano esserci testimoni dell'accaduto e quindi rimane difficile risalire all'identità degli autori dell'attentato. E' proprio di questo che parla il consigliere del Pdl Simone Carboni che, postando su Facebook la foto dei danni al bancomat dell'Unicredit, si domanda: «Come mai a tre anni dall'installazione delle telecamere di videosorveglianza queste ancora non funzionano? La sicurezza del territorio passa anche attraverso questo strumento. Di soldi – attacca il consigliere di centrodestra – ne sono stati spesi molti e i contribuenti hanno il diritto di vedere le proprie tasse essere utilizzate in maniera virtuosa. Senza contare che se già funzionassero i varchi elettronici avremmo avuto un maggior controllo di chi entra ed esce nottetempo da Frascati: varchi costati 270mila euro e mai operativi dal 2008». Da ricordare anche l'episodio (di minore portata a livello di danni prodotti) della molotov lanciata verso il portone del punto Enel di via del Castello, nel marzo scorso. Una lunga scia di episodi che preoccupano molto.

Tiziano Pompili