Sigilli al campo sportivo: 4 indagati

0
58

Il 12 luglio scorso la Procura di Velletri ha disposto il sequestro preventivo del campo sportivo Luciano Iorio, gestito dall’Asd Diana Nemi. Quattro gli indagati: Giacinto Bertucci, presidente della società calcistica, per abusivismo edilizio, e i due ex sindaci Alessandro Biaggi e Cinzia Cocchi insieme all’allora responsabile dell’ufficio tecnico comunale Gianpaolo Miglietta per falso ideologico.

Presso il centro, infatti, realizzato nel 2004, insistono 5 manufatti in assenza di titolo abilitativo, tra cui i bagni degli spogliatoi, le tribune e una costruzione in legno, in zona sismica, sottoposta a vincolo idrogeologico e paesaggistico ambientale, e inserita nell’area del Parco dei Castelli romani. Inoltre non è stata mai presentata domanda presso il comando dei vigili del fuoco per l’ottenimento del certificato di prevenzione incendi. Già il commissario straordinario Fabio Maurano, nel 2011, a seguito di un esposto anonimo, aveva ordinato la chiusura degli impianti, costringendo la Diana Nemi ad affrontare un intero anno calcistico in trasferta e a sostenere ingenti spese per l’affitto di campi esterni. E le indagini hanno avuto ora questo triste esito che pesa come un macigno sul futuro calcistico della società nemorense, reduce da una recente fusione con i Canarini Rocca di Papa.

Oltre agli ampliamenti non autorizzati e effettuati su area vincolata, gli inquirenti hanno inoltre contestato ai sindaci e al funzionario comunale, in base all’articolo 479 del Codice Penale, la produzione di atti autorizzativi, acquisiti presso il Comitato Lega Nazionale Dilettanti per le stagioni sportive 2009-2010 e 2010-2011, che ‘falsamente attestavano la perfetta idoneità da ogni punto di vista normativo sulla sicurezza e agibilità del campo di gioco e degli annessi servizi e strutture a corredo, e ciò sebbene l’impianto sportivo fosse privo di certificato di agibilità, privo di attestazione di allaccio in fogna, della certificazione antincendio e composto da manufatti abusivi’. Coi sigilli alla struttura sportiva di via dei Laghi il futuro della nuova Asd Rocca di Papa-Nemi si fa ancora più incerto.

Michela Emili