Incendio a Monte Mario, a lavoro 2 elicotteri della protezione civile regione

0
69

Due squadre della Protezione civile regionale sono al lavoro da questa mattina a Roma, in zona Monte Mario, per domare insieme ai vigili del Fuoco l’incendio di sterpaglie che si è sviluppato, e che sta richiedendo l’intervento di due elicotteri, uno della Protezione civile regionale e l’altro del Corpo forestale dello Stato.

Intanto proseguono su tutto il territorio laziale le attività di antincendio boschivo delle associazioni di volontariato coordinate dalla Sala operativa della Direzione regionale, in collaborazione con il Coau -Dipartimento nazionale, i Vigili del Fuoco e il Corpo forestale dello Stato. Nella sola giornata di ieri nel Lazio sono stati 50 i casi di incendi, principalmente di sterpaglie, di cui 12 boschivi. In particolare 23 sul territorio della provincia di Roma, 10 nel frusinate, 7 nel pontino, 3 nella provincia di Rieti e 7 nel viterbese. Incendi che hanno richiesto l’intervento complessivo di 96 squadre di volontari e 8 interventi degli elicotteri della Protezione civile regionale.

Per segnalazioni è possibile chiamare il numero verde gratuito della protezione civile Regione Lazio 803555, attivo h24, e inoltre attraverso la nuova pagina facebook della Protezione civile della Regione Lazio (consultabile anche dal sito www.regione.lazio.it).

Per Giovanni Barbera, membro del comitato politico romano del Prc-Federazione della Sinistra e presidente del Consiglio del Municipio Roma XVII, "gli incendi di queste ultime ore che sono divampati nelle aree verdi che si affacciano sul quartiere Trionfale, oggi su Monte Mario e ieri su Monte Ciocci, non sono del tutto casuali. Al di là delle responsabilità individuali e delle cause scatenanti, di fondo c’è il problema dell’incuria e del degrado che caratterizzano tali aree praticamente abbandonate dagli enti preposti che ne dovrebbero curare la manutenzione".

"Entrambe le aree – ha spiegato Barbera – fanno parte di due parchi che da anni sono abbandonati a se stessi. Questo il reale motivo per il quale, ieri, un piccolo incendio ha rischiato di trasformarsi in una vera e propria tragedia, visto che le fiamme hanno lambito i palazzi che si affacciano su Monte Ciocci. D’altronde sono anni che come Municipio chiediamo, con la partecipazione dei nostri cittadini, maggiore attenzione da parte del Campidoglio e di Roma Natura alle aree verdi che direttamente o indirettamente interessano il nostro territorio, fra cui proprio l’area di Monte Ciocci. Tale area negli ultimi anni è stata oggetto non solo di altri incendi, ma anche di diversi smottamenti che hanno messo a rischio le costruzioni sottostanti. A tale proposito chiediamo che il progetto di riqualificazione riguardante tale area, finalizzato a trasformare Monte Ciocci in un parco attrezzato, finalmente fruibile alla cittadinanza, venga completato al più presto. Troppi, infatti, sono stati i ritardi che hanno caratterizzato la realizzazione di tale progetto, deliberato addirittura nel 2005”.