La Cecconi chiude le porte. Oggi presidio a Federlazio

0
102

Era iniziato tutto con il blocco delle attività disposto dalla Asl a causa della mancanza di acqua calda, poi erano stati i lavoratori a dichiarare lo stato di agitazione per i ritardi nei pagamenti e i rumors sulla crisi del gruppo. Quasi una settimana fa, a sorpresa, la società aveva annunciato la cessazione di attività e l’avvio delle procedure di mobilità ma nonostante questo tutti i 42 dipendenti avevano dichiarato di voler tornare al proprio posto, confidando in una soluzione positiva della vicenda. Ora, però, alla Cecconi si assiste a un nuovo colpo di scena, con la ditta che chiude le serrande e impedisce ai lavoratori di entrare all’interno dello stabilimento.

«A due giorni dalla sospensione dello sciopero dei dipendenti l'azienda non ha ripreso l'attività lavorativa e ha lasciato i lavoratori nel piazzale», dichiarano in una nota Gianfranco Moranti (segretario generale Flai-Cgil Pomezia Castelli) e Massimo Persiani (segretario generale Uila-Uil Roma e Provincia). Una decisione a dir poco anomala visto che, formalmente, dall’apertura delle procedure di mobilità ci sono 75 giorni per discutere sulle forme alternative ai licenziamenti. I lavoratori incassano un altro brutto colpo, ma non mollano la presa e soprattutto continuano a presidiare il piazzale antistante lo stabilimento.

Se braccio di ferro deve essere, braccio di ferro sia. «I sindacati hanno confermato alla proprietà e al proprio consulente – continuano Moranti e Persiani – che i dipendenti del salumificio si considerano in forza e pertanto retribuiti. Inoltre domani (oggi, ndr) i lavoratori e le lavoratrici hanno deciso di accompagnare la delegazione trattante nella consultazione sindacale convocata da Federlazio e pertanto è stata indetta una giornata di sciopero, con presidio davanti agli uffici di viale Libano. Del fatto è stata allertata anche la questura di Roma». Cecconi e Scarfoglio, nel frattempo, continuano il loro silenzio ma potrebbero essere convocati dalla prefettura di Roma, forse già all’inizio della prossima settimana.

Diego Cappelli 

È SUCCESSO OGGI...

Morte di Gloria Pompili, arrestati i responsabili

I carabinieri del comando provinciale di Latina hanno dato arrestato due persone ritenute responsabili della morte di Gloria Pompili, la giovane nata a Frosinone (classe 1993) e ritrovata morta il 23 agosto scorso. La ragazza...

Rapina in pasticceria, ladro punta coltello alla gola e il cassiere reagisce

E’ entrato in una pasticceria, ha superato il banco e ha puntato un coltello alla gola al cassiere per farsi consegnare l’incasso. Ma qualcosa è andato storto perché la vittima ha reagito e lo...
villa Borghese

Donna tedesca stuprata a Roma, Codacons contro il Comune

  Un esposto alla Procura della Repubblica di Roma affinché siano accertate le responsabilità dell’Amministrazione comunale in merito alla violenza sessuale subita da una donna tedesca a Villa Borghese. “Vogliamo si faccia luce sulla vigilanza nei...

Prende la targa dell’auto della sorella e la utilizza per girare con un’auto rubata

Aveva apposto le targhe della vettura intestata alla sorella su un’auto rubata e se ne andava in giro per le vie del quartiere Tor Bella Monaca. Nel corso di un controllo alla circolazione stradale però,...

Coltiva marijuana in casa, fermato 40enne

Un 40enne di Tarquinia, in uno stanzino nascosto dall’armadio della camera da letto, ha  allestito una serra perfettamente attrezzata per coltivare la marijuana. I carabinieri della Stazione di Tarquinia, nel corso di mirati servizi finalizzati...