«Amianto nella scuola di via Savarino»

0
46

Manifestazione del Pd ieri mattina davanti alla scuola di via Santi Savarino nel Municipio XII contro le politiche dell'Amministrazione capitolina in materia di scuola. «Arredi mancanti, trasporto scolastico insufficiente e ancora nel caos, raddoppio delle rette della mensa con un netto peggioramento del servizio, servizio di AEC privo di copertura finanziaria in alcuni Municipi e molto altro ancora vogliamo portare all'attenzione della Giunta Capitolina che pare aver dimenticato la scuola», hanno attaccato Marco Miccoli, Segretario del Pd Roma e Sabrina Alfonsi, responsabile del Dipartimento Scuola e Politiche Educative del Pd Roma.

«Ci chiediamo anche – ha continuato Sabrina Alfonsi – di che cosa si stia occupando l'assessore De Palo atteso che questo della scuola è uno dei problemi che più grava sulle famiglie romane». Presente alla manifestazione anche il vice presidente della Commissione Scuola di Roma Capitale, Paolo Masini, e un nutrito gruppo di consiglieri e militanti del Pd del Municipio XII che hanno rincarato la dose: «E' stato scelto questo plesso scolastico – hanno dichiarato Andrea Santoro e Domenico Durastante, rispettivamente coordinatore e consigliere municipale – perchè simbolo del degrado in cui versano molte scuole romane che hanno bisogno di manutenzione. In questo istituto scolastico, nonostante le richieste del Pd, non sono ancora partiti i lavori per togliere l’amianto presente nel giardino dell’edificio».

Dal canto suo il consigliere Paolo Masini ha dichiarato: «Circa 76000 studenti figli di famiglie disagiate non potranno usufruire di borse di studio a causa della mancata copertura finanziaria e del disinteresse dell'Amministrazione comunale. Per quanto riguarda la situazione delle manutenzioni chiederò oggi la convocazione di una Commissione Scuola per verificare lo stato dei plessi scolastici romani ed in particolare per accelerare l'esecuzione dei lavori di rimozione dell'amianto nel plesso di via Santi Savatino. Il Pd è a disposizione di chiunque vorrà segnalare casi di inefficienza e di degrado».