L’ordinanza antialcol scontenta tutti

0
76

È aria di ribellione quella che si respira la notte a piazza Bologna. Anche dopo la rissa che ha coinvolto due vigilesse sabato sera davanti alla Casina Favolosa, sono molti i giovani contrari all’ordinanza che vieta la vendita e il consumo di alcol dopo le 11 di sera in strade pubbliche.

Il divieto sta accendendo il dibattito tra gli studenti e i commercianti di zona convinti che basterebbe puntare maggiormente sui controlli delle forze dell’ordine per regolamentare la movida notturna.

«Sembra di essere tornati agli anni del proibizionismo – sostiene Miriam, studentessa – non ci si rende conto che il problema va affrontato alla radice. Organizzassero incontri con ragazzi del liceo e delle scuole medie per sensibilizzarli sui danni dell'alcol». «Il divieto dopo un certo orario non impedirà di certo di bere a chi lo vorrà e non garantirà nemmeno un concreto ordine pubblico. La repressione non è mai stata un metodo funzionante», aggiunge Eleonora, laureanda alla Sapienza. E se alcuni residenti della zona si lamentano, la maggior parte sono più comprensivi.

«La notte ho sempre difficoltà ad addormentarmi. Alcune volte gli studenti portano le chitarre e suonano fino le 2 o le 3», racconta Franca, pensionata. Maurizio, sessantenne, replica: «tutti siamo stati giovani, è giusto che anche le nuove generazioni si divertano. L’importante è che non si arrivi alla violenza nei confronti di chi tenta di ripristinare l’ordine».

I commercianti, dal canto loro, sono quasi tutti contrari all’ordinanza. «Le 23 sono un orario inaccettabile, è troppo presto. Se la questione è l'ordine pubblico, ancora una volta la soluzione sta nell'educazione al rispetto dei luoghi pubblici. Il comune deve lavorare sulla sensibilizzazione, per restituire dignità agli spazi e alle persone che qui vivono o hanno un’attività», sostiene un negoziante. Intanto, chi vuole aggirare l’ordinanza, prova a portare l’alcol da casa in attesa del 30 settembre data di scadenza del divieto.

Federica Terramoccia

È SUCCESSO OGGI...

Terremoto, nuove scosse nel centro Italia

Forte scossa di terremoto tra Lazio e Abruzzo: torna la paura

Una forte scossa di terremoto ha fatto tornare la paura tra Abruzzo e Lazio. Il sisma e' stato rilevato tredici minuti dopo le 4 del mattino. Secondo i rilevamenti dell'Istituto nazionale di geofisica e...

Anguillara, esplosione in una villa: feriti e paura

Intorno alle 8.30, probabilmente per una fuga di gas, si e' verificata un'esplosione all'interno di una villetta ad Anguillara Sabazia, in via grotte di Castellana.   La deflagrazione e' avvenuta all'interno dell'appartamento al piano terra, dove...

Forte scossa di terremoto, giocatori del Frosinone fuori dall’hotel

La scossa di magnitudo 4.2 registrata tra Lazio e Abruzzo alle 4:13 della notte e' stata chiaramente avvertita dai giocatori e dallo staff tecnico del Frosinone Calcio. La squadra laziale e' infatti da giorni...

Caput Mundi, arriva il gioco ispirato a Mafia Capitale⁩

Due avvocati di Roma appassionati di giochi di società, agli albori dell’inchiesta su “Mafia Capitale”, colpiti e ispirati dal continuo saccheggio della città eterna ad opera di politici, funzionari e criminali organizzati, hanno deciso di...
tuscolano civitavecchia

Civitavecchia, provoca incendio e scappa: preso piromane

Si è protratto per circa 4 ore un incendio che ha interessato alcuni terreni agricoli in via B. Claudia. Sul posto gli investigatori della Polizia di Stato di Civitavecchia, dopo una breve indagine hanno...