La Regione non paga: bus cancellati

0
30

Mentre si scoprono le spese folli della Regione Lazio un comune, quello di Capena, rimarrà, a partire dal prossimo 30 settembre, sprovvisto del servizio di trasporto pubblico per i propri cittadini. L’interruzione sarebbe dovuta ai mancati pagamenti da parte della Regione alla società Damibus srl, concessionaria del Trasporto Pubblico Locale nel Comune di Capena.

A denunciarlo in una nota il Codacons. «Abbiamo ricevuto la comunicazione inerente l’interruzione del servizio direttamente dall’assessore ai Trasporti del comune di Capena – si legge nel comunicato. I mancati pagamenti vanno dal periodo novembre 2011 ad agosto 2012 – spiega l’associazione – Tale situazione ha reso materialmente impossibile per la società che gestisce i mezzi pubblici garantire lo svolgimento del servizio a partire dal prossimo 30 settembre».

«Si tratta di un gravissimo danno per i residenti – spiega il presidente Carlo Rienzi – lavoratori, studenti e pendolari si troveranno ad affrontare enormi disagi negli spostamenti e per recarsi a scuola o a lavoro. A questo punto, considerati gli sperperi di denaro pubblico perpetrati dai consiglieri regionali e le gravi responsabilità dell’amministrazione regionale, chiediamo alla Regione Lazio di mettere a disposizione gratuita dei cittadini di Capena le auto blu utilizzate finora dai consiglieri», conclude Rienzi.