Cumuli di spazzatura nel quartiere Bologna

0
42

È emergenza rifiuti nel quartiere Bologna. Viale delle Provincie, via Berengario, via Padova, via Cremona, piazzale delle Provincie, viale XXI Aprile e piazza Bologna: sono queste le strade del Municipio III in cui il problema rifiuti si fa sempre più preoccupante. E a farne le spese sono soprattutto gli studenti che abitano nella zona. Basta fare un giro nel quartiere, a qualsiasi ora del giorno e della notte, per notare intorno ai bidoni dell’immondizia residui di cibo, cartoni di qualsiasi dimensione, bottiglie di plastica.

«Quando mi affaccio dalla finestra mi sembra di tornare a Napoli», racconta ironicamente Federico. Un altro studente, Francesco, afferma: «Io abito a viale delle Provincie e ho i cassonetti proprio di fronte al portone di casa. Li vedo quasi sempre pieni, anche di mattina, quando invece dovrebbero essere stati svuotati dai camion durante la notte. Lungo la strada, la spazzatura a terra in prossimità dei bidoni è all’ordine del giorno. È evidente che qualcosa non quadra». Molti residenti manifestano anche dei dubbi sul fatto che venga effettuata realmente la raccolta differenziata, già da parecchi mesi praticata nel Municipio III.

Dalila, giovane che lavora a piazza delle Provincie sostiene perplessa: «I cassonetti sono sempre stracolmi e le buste di immondizia vengono lasciate in prossimità del secchio perché lo si trova pieno. Noi facciamo la raccolta differenziata, ma abbiamo notato più volte come i camion che raccolgono la spazzatura immettano nello stesso tir tutti i tipi di rifiuti. Spero che lo smistamento avvenga dopo, perché altrimenti è tutto inutile». Non solo i ragazzi si mostrano sconcertati per l’emergenza, ma anche coloro che vivono da molti anni a piazza Bologna: non si erano mai trovati in una situazione così catastrofica. Giovanni, residente in via Berengario, spiega: «Il problema è sorto soprattutto nell’ultimo anno, prima di allora non avevamo difficoltà di questo tipo. L’Ama svolgeva le sue mansioni in modo più efficiente».

Federica Terramoccia