Rogo nel cantiere del campo Testaccio

0
21

Un incendio la notte scorsa ha interessato e danneggiato i locali degli spogliatoi dello storico Campo Testaccio dove giocò l’A.S. Roma dal 1929 al 1940. A provocare accidentalmente il rogo sarebbe stato un uomo, senza fissa dimora, che nelle ore notturne ha trovato rifugio nella struttura e acceso un fuoco per riscaldarsi.

La presenza di pericolosi fuochi e bivacchi era già stata denunciata dal corpo docente della vicina scuola di via Nicola Zabaglia. Nell’area è aperto da cinque anni un cantiere per il Piano Urbano Parcheggi, ma i lavori per i box sotterranei, in concessione alla ditta Consorzio romano parcheggi, non sono decollati: «Dopo numerose diffide, mi vedo oggi costretto a promuovere la revoca definitiva della concessione per il parcheggio sotterraneo – spiega Alessandro Vannini, delegato del sindaco per il Pup – la società infatti non ha ottemperato a quanto previsto dal contratto: le indagini archeologiche nell'area devono essere completate e mancano all'appello anche importanti documenti necessari all'inizio dei lavori per la realizzazione del parcheggio, come quelli relativi alle fognature».

Nei locali interessati dall'incendio, erano presenti anche parte dei resti archeologici rilevati nell'area: «Un fatto gravissimo – insorge Vannini – abbiamo ripetutamente sollecitato la ditta ad un'appropriata catalogazione e collocazione dei resti archeologici, in accordo con la Sovrintendenza statale ai beni culturali, e allo sgombero di quei locali peraltro estranei alla realizzazione del parcheggio e quindi utilizzati in maniera del tutto informale». Di pericolo annunciato ha parlato il gruppo Pd locale che da tempo denuncia lo stato di insicurezza del campo a causa di un piano parcheggi che ha lasciato spazio all’abbandono e all’incuria.

«Solo pochi mesi fa la questione relativa allo stato dei lavori del parcheggio sotterraneo in via Zabaglia, era stata discussa in una riunione della commissione Trasparenza, per il procrastinarsi della chiusura del cantiere e perché quest’opera coinvolge lo storico campo della Roma», dichiarano in una nota Massimiliano Valeriani presidente commissione Trasparenza, Emiliano Pittueo Assessore Urbanistica Municipio Roma I e Alessandra Ferretti consigliere municipale Pd. «In quell’occasione era stato preso l’impegno era stato preso l’impegno di sbloccare e procedere per la ultimazione del parcheggio e perché al rione fosse ridato l’unico centro sportivo del quartiere».

cinque