Scritte contro i gay al liceo Vivona e l’istituto si ritira dal progetto antiomofobia

0
33

Il Gay Center ha scritto una lettera aperta al ministro della pubblica istruzione Francesco Profumo per denunciare la decisione del Liceo Vivona di ritirarsi dal progetto europeo antiomofobia.

“Le ragioni espresse dalla Preside – ha spiegato il portavoce del Gay Center Fabrizio Marrazzo – ci lasciano molto perplessi. Al Vivona sono comparse scritte sui muri “via i froci dalla scuola” sia a giugno che pochi giorni fa, sui social network ci siano state offese ai ragazzi che hanno partecipato al progetto e soprattutto a quei ragazzi che hanno realizzato i video (www.voiceout.eu). Inoltre, la Preside ritiene che partecipare al progetto potrebbe causare atti omofobi, come quelli che si sono già realizzati”.

“Una decisione – afferma Marrazzo – sbagliata che rischia di far vincere chi vuole alimentare l'omofobia nella scuola". Contro tale decisione si sono schierati sia il Gay Center, che ha richiesto direttamente l'intervento del ministro Profumo, sia gli studenti, che hanno deciso di promuovere una raccolta firme per il proseguire con il progetto.