Riforma dei Municipi, Alemanno batte i pugni

0
86

«Basta con il patriottismo dei Municipi. La riforma dell’accorpamento non è così complicata come sembra». Il sindaco Gianni Alemanno bacchetta i presidenti dei Municipi come un maestro che rimprovera gli alunni, esortandoli a impegnarsi di più.

Il primo cittadino ha incontrato venerdì mattina i mini sindaci, un vertice a porte chiuse per discutere del progetto riguardante la realizzazione della nuova “city” e per lanciare un chiaro messaggio: è giunta l’ora di mettere a tacere i particolarismi e di accelerare l’iter che ridisegnerà la geografia del territorio capitolino.

Sul destino di alcune zone della città Alemanno afferma: «I piccoli Municipi sono quelli destinati molto probabilmente a subire un accorpamento, in modo tale da avere equilibrio demografico tra l’uno e l’altro». Il sindaco, però, rassicura: «Comunque non possiamo violare più di tanto la toponomastica e la storia dei rioni e dei quartieri. Inoltre – sottolinea perentorio – togliamoci dalla testa che si possano fare alchimie in base alla vocazione politica dei vari territori. Quello che dico è di andare avanti e non rinviare questa riforma».

In tema di “fusioni”, Fabrizio Sequeli (Pdl), presidente della Commissione Trasparenza del centro storico, ribadisce la «netta contrarietà all’accorpamento dei Municipi I e XVII. Speriamo che la prossima discussione in aula e il percorso del prossimo voto in Consiglio comunale – dichiara Sequeli – porti ragionevolezza, poichè l’iter procedurale seguito fino a oggi ci sembra comico e verticistico visto che si sono prese in considerazione solo istanze pervenute dal Consiglio del Municipio XVII in modo unilaterale senza ascoltare i cittadini».

Critico anche il vicepresidente del Consiglio del Municipio Roma XIX e capogruppo del Prc/Fds, Claudio Ortale: «Due ore e mezza in aula Giulio Cesare per fare sfogare qualcuno dei pochi presidenti e consiglieri municipali presenti e per fare ripetere in apertura all’assessore Bordoni una minestra già trita e ritrita – attacca Ortale -. Niente di nuovo su poteri, funzioni e autonomie dei Municipi ridotti a 15, diventati così sempre più enormi, e niente sulla volontà di intervenire sul Governo nazionale per chiedere di cambiare decisamente rotta. Credo che l’unica soluzione per uscirne davvero fuori – conclude – sia quella di chiedere a Palazzo Chigi una proroga dei termini per evitare che dopo il 12 dicembre sia il Prefetto a decidere per tutti noi».

Ester Trevisan

È SUCCESSO OGGI...

Estorsione a un minimarket, un arresto a Fonte Nuova

I Carabinieri della Stazione di Mentana hanno arrestato, in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare in carcere, emesse dal GIP presso il Tribunale di Tivoli, un 20enne di Fonte Nuova, già noto alle forze...
roma

«Mia moglie vuole suicidarsi». La polizia interviene a Roma e la trova con l’amico

Litiga col marito ed esce di casa dicendo di volersi suicidare. L’uomo preoccupato, perché la moglie prima di staccare il cellulare, gli aveva ribadito  di volersi uccidere, ha chiamato la Polizia di Stato. È successo questa...

Bomba carta al centro accoglienza: paura a Rocca di Papa

"Abbiamo annullato il previsto sit-in previsto per stamattina a cominciare dalle ore 9 davanti dell'ex centro spirituale 'Mondo Migliore' sulla Via dei Laghi ai Castelli, utilizzato ormai da tempo come entro d'accoglienza per richiedenti...

Città Metropolitana, la scarsa trasparenza sui superstipendi dei dirigenti di un ente che...

La Città metropolitana di Roma è l'ente che ha ereditato le competenze della Provincia con qualche delega in più attribuita dalla Regione Lazio. Ma per dare una parvenza di democrazia, visto che nelle Città metropolitane  non si vota...

Corviale, arrestato rapinatore della farmacia di via Portuense

I Carabinieri della Stazione Roma Bravetta, con la collaborazione dei militari della Stazione Roma Villa Bonelli, hanno identificato e sottoposto a fermo di Polizia Giudiziaria il rapinatore che nel pomeriggio di lunedì scorso aveva...