Prima caccia di casa l\’ex poi la minaccia

0
40

Aveva già allontanato da casa la compagna e la figlia, che quindi si erano trasferite nella casa della sorella di lui.

Ma, non soddisfatto, ieri mattina si è presentato sotto casa della sorella e ha iniziato a inveire contro la ex convivente, dicendole che sarebbe dovuta andare via anche da quella casa.

La donna allora, preoccupata dell’atteggiamento irruento dell’uomo, ha chiamato la polizia. Quando sono arrivati gli agenti hanno trovato la donna molto agitata e preoccupata dalle continue minacce e dagli atti persecutori del suo ex compagno.

L’uomo però non si è fermato neanche di fronte alla polizia e non solo ha continuato con le minacce alla donna, ma ha iniziato a insultare anche i poliziotti intervenuti.

Gli agenti hanno tentato in tutti i modi di calmarlo, ma lui di tutta risposta ha afferrato una bottiglia di vetro da terra, l’ha infranta e impugnando il collo ormai spezzato l’ha puntata prima verso la ex e poi verso gli agenti.

Infine è puntato la bottiglia al collo minacciando di autolesionarsi, ma gli agenti, a quel punto, sono riusciti a disarmarlo e bloccarlo.

Vista la pericolosità del suo comportamento C.M., romano di 35 anni già noto alle forze di polizia, è stato arrestato con l’accusa di minacce aggravate, oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale, nonché atti persecutori nei confronti della ex convivente.