Atac, la carica dei 150 (in metropolitana)

0
46

Una task force di 150 unità impiegata ogni giorno nelle stazioni della metropolitana e in alcune stazioni ferroviarie per garantire ai clienti controllo, prevenzioni e repressione dei fenomeni di evasione.

Questo il progetto "Assistenza e controllo", presentato oggi da Alemanno e dall'ad di Atac Roberto Diacetti. La squadra dei 150 è composta da 75 verificatori e altrettanti assistenti della customer care ed è suddivisa in gruppi misti composti da 4/5 persone per garantire ai viaggiatori, non solo azioni di supporto logistico e di assistenza ma anche e soprattutto attività di controllo e repressione dell'evasione tariffaria.

Riconoscibili grazie a una divisa, una maglietta rossa con su scritto "Assistenza clienti", le squadre sono impegnate nelle stazioni delle linee A e B e in alcune stazioni della Roma-Lido, con turni da 3 a 6 ore per ogni singola stazione, fino a 4 visite settimanali per stazione nelle ore di punta e di presidio fisso per le attività di assistenza alla clientela su 10 fermate di MA, MB e MB1 (Termini, Tiburtina, Conca D'Oro, Libia, S. Agnese-Annibaliano, Piramide, Anagnina, Battistini, Ponte Mammolo e Laurentina).

Nel complesso, dal lunedì al sabato le 42 stazioni metro avranno dalle 2 alle 4 visite settimanali, mentre per le stazioni "punta" il presidio ci sarà anche la domenica. Nei giorni di maggior affluenza, infine, o in caso di criticità, l'azione di supporto sarà garantita anche alle biglietterie presenti sulla linea metropolitana, da Anagnina a Eur Fermi, Ponte Mammolo e Laurentina.