Monteverde, aggredisce la madre della compagna

0
58

Era stato arrestato la sera precedente da una pattuglia del commissariato Monteverde a seguito di una lite con la sua compagna. In tale occasione D.A., 39enne della Guinea, aveva opposto resistenza agli agenti intervenuti per calmarlo e pertanto, al termine, era stato tratto in arresto e denunciato per minacce aggravate nei confronti della convivente.

Lo stesso infine era stato trovato in possesso di un involucro contenente una dose di eroina. Condotto il giorno successivo in Tribunale e giudicato con rito direttissimo, era stato condannato e sottoposto all’obbligo di firma presso il Commissariato. Per nulla calmatosi per quanto avvenuto, l’uomo, una volta rimesso in libertà, è tornato presso l’abitazione della madre della sua compagna, intimandogli di aprire immediatamente la porta, che ha cercato di sfondare, minacciandola di morte. La donna ha chiamato subito il 113, che ha inviato una pattuglia sul posto.

L’uomo, nel frattempo, non riuscendo a farsi aprire la porta, sfruttando una rampa del palazzo, è riuscito a salire sul terrazzino e, scavalcata la ringhiera, ha afferrato la donna e le ha lanciato contro una sedia. Poi, alle sue grida, temendo che le urla potessero richiamare l’attenzione dei vicini, è fuggito. Gli agenti, giunti sul posto, hanno provveduto a soccorrere la donna facendo intervenire il personale del 118 e si sono poi subito messi alla ricerca dell’aggressore.

Dopo una attenta battuta in zona, sono riusciti a rintracciarlo presso un bar della zona, nonostante il tentativo di defilarsi e di celare il volto con il cappuccio della felpa indossata. Arrestato nuovamente ora dovrà rispondere di tentate lesioni, minacce aggravate, violazione di domicilio aggravata e danneggiamento.