San Pietro, \”usava\” il figlio di 5 anni per chiedere l\’elemosina

0
25

I carabinieri della Stazione Roma San Pietro,  hanno denunciato, in stato di libertà, una giovane rom 22enne, con l’accusa di impiego di minori nell’accattonaggio.

La ragazza madre, appartenente al campo nomadi di via Salaria, già conosciuta alle forze dell’ordine, è stata sorpresa dai militari in via della Conciliazione, mentre chiedeva l'elemosina ai passanti servendosi del figlio di soli 5 anni.

L’accattonaggio oggi rappresenta un aspetto del più ampio fenomeno dello sfruttamento minorile e, per la sua stessa natura, uno snodo intorno al quale confluiscono problematiche afferenti alle dimensioni sociale, culturale, psicologica ed economica. In Italia l’accattonaggio dei minori si rende evidente verso la metà degli anni ottanta, con riferimento ai nomadi di etnia Rom.

Oggi il fenomeno presenta connotazioni notevolmente più complesse e risulta molto più ampio dal punto di vista quantitativo, interessando, con caratteristiche differenti in rapporto alla cultura e all’etnia, minori di diversa provenienza geografica.