Undici pusher arrestati nelle ultime 48 ore

0
37

Undici pusher arrestati in 48 ore. E’ l’ultimo bilancio dei servizi antidroga predisposti dai carabinieri in vari quartieri della Capitale per arginare il fenomeno dello spaccio, soprattutto tra i più giovani. Giardini pubblici, locali notturni, parcheggi, luoghi di aggregazione, parchi e piazze sono state battute da carabinieri in abiti civili e in divisa a caccia di spacciatori.

I primi a finire in manette sono stati tre romani di 43, 36 e 22 anni. A “pizzicarli” sono stati i carabinieri dell'Eur. Dopo aver bloccato il più adulto dei tre in piazza Re di Roma, dove è stato trovato in possesso di alcuni grammi di cocaina, i militari hanno scoperto sul suo cellulare degli sms in codice che sembravano indicare quantità e consegne di dosi ancora da effettuare.

Il mittente era un 36enne residente a Ciampino: grazie alla collaborazione dei carabinieri di Castel Gandolfo è scattato immediato il blitz nella sua abitazione, dove il padrone di casa è stato trovato in compagnia del ragazzo di 22 anni a far da guardia a oltre 300 grammi di cocaina, alcune decine di dosi di marijuana, tre bilancini elettronici, 700 euro in contanti e tutto il materiale utile al confezionamento delle singole dosi. I tre pusher sono stati associati al carcere di Regina Coeli, dove rimarranno a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Nelle altre operazioni, eseguite nelle zone Magliana, Torre Maura, Tor Sapienza, Parioli, Flaminio, Prenestino, Re di Roma, e Pigneto, i carabinieri hanno eseguito altri 8 arresti e sequestrato centinaia di dosi di eroina, hashish, cocaina e marijuana, oltre a circa 2.500 euro in contanti ritenuti provento dell’illecita attività degli spacciatori arrestati. Una quarantina, infine, sono le persone segnalate all’Uufficio Territoriale del Governo in qualità di assuntori di stupefacenti.