Gli studenti di Ostia si mobilitano

0
72

 

Cori, fischietti, fumogeni. E lo slogan condiviso “Scateniamo tempeste ma ci piace il sole”. Oltre mille studenti delle scuole di Ostia, alcuni dei quali indossavano la maschera V per vendetta!, hanno sfilato ieri mattina per le vie della città per protestare contro i tagli imposti alla scuola pubblica, le misure di austerity del governo tecnico e il ddl Aprea.

A partecipare in numero massiccio i ragazzi dei licei classico Anco Marzio e scientifico Labriola, degli istituti tecnici Faraday, Toscanelli e Magellano. Invitati anche gli studenti dello scientifico Democrito di Casalpalocco.

Ed intanto, contemporaneamente al corteo, al liceo scientifico Enriques di via Angelo Olivieri era stata indetta una assemblea straordinaria che è poi sfociata nell’occupazione della scuola. Dopo il “lunedì di fuoco”, prosegue lo stato di agitazione nelle scuole lidensi. Il corteo, che è partito alle 8 dalla sede dell’Anco Marzio di via Capo Sperone ha attraversato il cavalcavia, percorrendo poi via Pietro Rosa e passando davanti al Palazzo del Governatorato, in piazza della Stazione vecchia, sede del municipio XIII. Inizialmente era stato programmato un sit-in, ma i ragazzi hanno proseguito lungo corso Duca di Genova fino ad arr i – vare alla ex colonia Vittorio Emanuele, dove avrebbe dovuto essere realizzata la Casa della cultura, un progetto approvato dalla Regione e dal comune nel 2008, sotto le amministrazioni di centrosinistra.

La Casa della cultura, finanziata con 3 milioni di euro, prevedeva sale prove, laboratori teatrali, sale d’incisione su una superficie di 3.000 metri quadri. Ma il progetto, rivolto in particolare ai giovani, è “sparito”. Quanto al corteo, dopo aver fatto tappa alla ex colonia, il corteo è tornato indietro fino al liceo Enriques dove gli studenti chiedono, in particolare, il rispetto di impegni presi. Si tratterebbe di spazi promessi ma ancora non concessi.

I ragazzi, in vista di una permanenza a oltranza, hanno fatto scorte di acqua. Proprio nei pressi del liceo un ragazzo di 17 anni, scivolato contro una cabina telefonica, si sarebbe ferito leggermente e per questa ragione è stato accompagnato all’ospedale Grassi. Ieri, poi, ancora lezioni aperte dei docenti dell’Anco Marzio, con correzione dei compiti nell’atrio. Il professor Frasghini ha presentato uno studio “La famiglia oggi: un approccio interdisciplinare”. Lo stato di agitazione dei lavoratori continua: le forme saranno decise martedì 6 novembre durante le prime due ore di lezione in occasione dell’assemblea congiunta dei docenti dell’Anco Marzio, Labriola ed Enriques.

Maria Grazia Stella  

Forse potrebbe interessarti anche: Scuola, diritti a rischio e tagli: studenti e docenti tornano nelle piazze

 

È SUCCESSO OGGI...

Tremendo incidente, un’auto si scontra con una moto: centauro in pericolo di vita

Un centauro è in pericolo di vita dopo un brutto incidente con un'Opel Corsa. É accaduto la scorsa notte a Roma, intorno alle 2.30, in largo Bratislava. Sul posto sono intervenuti gli agenti del...

IX Municipio, per l’ex assessora Laurelli i grillini “sfasciano e non costruiscono”

Luisa Laurelli è stata assessore alle politiche sociali e alla scuola nella giunta Marino per 14 mesi nel 2015; psicologa e psicoterapeuta vanta un lunghissimo curriculum di esperienze professionali e politiche rimanendo attivamente impegnata nel...

Botte, sputi e insulti alla compagna: allontanato dalla polizia

Maltrattamenti in famiglia e lesioni personali aggravate: questi i reati contestati ad un romeno di 64 anni. Vittima, la compagna. Gli agenti della Polizia di Stato del Commissariato di Fiumicino si sono presentati a...
incidente sulla prenestina

Chiede dei soldi a un ragazzo, lui si rifiuta e viene picchiato e rapinato...

É accaduto nella notte a Trastevere. Un extracomunitario ha avvicinato un 30enne, da lui conosciuto, chiedendogli del danaro e, al suo rifiuto, lo ha colpito al volto con una bottiglia. Poi, una volta a...

Rubava nelle auto parcheggiate: fermato rapinatore seriale

Nemmeno l’obbligo di presentazione alla P.G. per i suoi precedenti reati lo hanno fatto desistere, ma ieri sera, la sua ostinazione a delinquere gli è costata un altro arresto. In manette un 56enne romano, ben noto ai...