Anzio, rubava denaro a pazienti e medici: in manette infermiera

0
25

Sono fino ad ora tre quelli accertati ma potrebbero essere molti di più i furti di cui si è resa responsabile un’infermiera in servizio presso l’ospedale di Anzio, avvenuti negli ultimi tempi all’interno della struttura.

Sono stati gli agenti del commissariato di Anzio, al termine di una complessa indagine durata alcuni mesi, a individuare la responsabile. Le vittime, pazienti, visitatori e dipendenti dell’ospedale nel corso degli ultimi mesi avevano formalizzato le denunce per la sparizione di oggetti in oro, denaro e preziosi di vario genere.

Gli oggetti erano spariti proprio quando in servizio in quel reparto era presente C.M., infermiera 55enne. Le indagini degli investigatori si sono orientate oltre che nella struttura ospedaliera, anche in alcuni “compro oro” della cittadina. Sono state infatti oltre 50 le circostanze in cui la donna si sarebbe presentata presso le rivendite di preziosi per poter vendere degli oggetti in oro.

A inchiodare l’infermiera sono stati proprio alcuni preziosi sottratti poco prima in ospedale e che la donna aveva tentato di “piazzare”, oggetti sulle quali erano incise le iniziali della vittima. Da quanto emerso dalle indagini, quella di rivolgersi a rivenditori di preziosi era una pratica piuttosto ricorrente da parte della donna.

Gli agenti stanno ora verificando le denunce effettuate dalle vittime che venivano opportunamente scelte tra i frequentatori dell’ospedale, sia che fossero pazienti, visitatori o personale dipendente della struttura ospedaliera.

Al momento dell’arresto, all’interno del portafogli della donna, gli agenti hanno anche sequestrato un involucro contenente cocaina, mentre una piccola quantità di marijuana è stata scoperta all’interno della sua abitazione. Gli accertamenti della polizia proseguono per acquisire informazioni anche su altri episodi alcuni dei quali potrebbero non essere stati denunciati, ma che potrebbero essere comunque riconducibili alla stessa responsabile.