Portuense, un nuovo parco in cambio del Pup

0
77

È stata approvata dal Consiglio del Municipio XV la mozione riguardante il progetto di realizzazione del Parco Ruspoli voluto ed elaborato dal Circolo Pd Portuense e dall’Associazione cittadina Portuense Santa Silvia che prevede un parco pubblico attrezzato su tutta l'area compresa nel quadrante comprendente largo E. Ruspoli- via Alibrandi- via Crispigni- via Ciappi – via Grottoni.

«Un parco, quindi, al servizio dell'intero quartiere e non solo di una piccola parte – dichiara Gianluca Lanzi responsabile territorio del Circolo Pd Portuense – un parco per tutti gli abitanti siano essi più vicini alla zona di Largo E. Ruspoli, alla zona di Piazza P. Puricelli o alla zona di Vigna Pia».

L’opera in questione è finanziata con i soldi, circa 900.000 euro, derivati dagli oneri concessori per la realizzazione del Pup Ruspoli. Con l’approvazione di questa mozione si sono altresì bloccati gli altri due progetti presentati dal Municipio: uno che prevedeva nuove concessioni edilizie a privati in cambio della gestione del parco e l’altro un micro-parco che lasciava ai privati le aree verdi adiacenti.

L’Associazione Portuense bocciò immediatamente tali progetti affinché si procedesse all'esproprio pubblico di tutte le aree verdi fruibili, «che tornano così alla cittadinanza per sempre – dichiara l’Associazione – un polmone verde vero ed esteso, senza altro cemento» evitando così l’assegnazione dell’intera area a privati e la costruzione di inutili opere edilizie. Infatti nel progetto presentato nella mozione approvata è previsto un parco pubblico, una vera piccola villa Pamphili, che colleghi le varie parti del quartiere sopra elencate, facilitando così anche la mobilità dei residenti, senza l’aggiunta di nessun costo oltre i 900.000 euro già finanziati.

I cittadini si sono resi anche disponibili a partecipare ai lavori di allestimento e di manutenzione. Il Municipio, il Circolo Pd e l’Associazione hanno sollecitato più volte il Comune ad esprimersi sulla questione ma da questo ancora nessuna risposta.

Ivan Selloni