Municipio XV, parte il progetto \”R.O.A.D.\” per giovani amministratori

0
29

Parte il 17 novembre il progetto R.O.A.D. (Ragazzi Oggi, Amministratori Domani), ideato e organizzato dal Municipio XV che prevede corsi riservati a 35 ragazzi tra i 15 e i 35 anni che risiedono e studiano nel Municipio XV. I corsi, gratuiti e senza costi per il Municipio, si chiuderanno nel prossimo febbraio per un totale di 13 appuntamenti con cadenza settimanale e saranno seguiti anche dai componenti del consiglio dei Giovani del XV. L’iniziativa ha ottenuto il patrocinio dell’Anci e della Provincia di Roma.

«Sono particolarmente soddisfatto dell’avvio del progetto R.O.A.D», sottolinea il Presidente del XV Gianni Paris. «Il nostro Municipio è il primo ad aver progettato e realizzato un’iniziativa di questo tipo. L'obiettivo di questo originale percorso formativo è di riuscire a migliorare il rapporto tra le Istituzioni e i giovani, offrendo in particolare strumenti concreti per conoscere meglio la struttura amministrativa della città e dei Municipi. Si vuole costituire un luogo di dialogo, una sorta di laboratorio su un tema, la politica, in questo periodo in forte crisi di credibilità e consenso.

La nostra ambizione è di riuscire a fornire una formazione di elevato livello qualitativo, grazie anche al contributo di qualificati docenti. In un quadro complessivamente poco attivo anche nelle politiche giovanili, con questa iniziativa, il Municipio XV continua invece il suo cammino, quello che nel 2009 gli ha fatto istituire, primo a Roma, il Consiglio Municipale dei Giovani un nuovo strumento di partecipazione democratica».

Per Alessio Conti, delegato alle Politiche per i Giovani, ideatore e responsabile didattico di R.O.A.D, «parlare di ricambio generazionale ha senso solo se i giovani sono preparati e abbiamo istituito R.O.A.D. per creare un percorso formativo al fine di fornire gli strumenti per comprendere i meccanismi di funzionamento degli Enti Locali e per prepara gli amministratori del futuro.

In un momento in cui le Istituzioni sono percepite dai cittadini molto distanti e la politica deve guadagnare credibilità, istituire R.O.A.D. significa parlare un linguaggio trasmettendo ai 35 ragazzi/e selezionati che il benessere collettivo deve prevalere sull'interesse del singolo ed un modello fondato su etica e trasparenza deve costituire il denominatore comune della classe dirigente del futuro».