Esquilino, sequestrata discoteca camuffata da circolo culturale

0
38

Una discoteca “camuffata” da circolo culturale. E’ quanto hanno accertato gli agenti del commissariato Esquilino nel corso di un controllo presso un locale in via Cimarra. L’attività, regolarmente “registrata” come un circolo culturale, era in realtà allestita come una vera e propria discoteca, con tanto di serate a tema e la partecipazione di un dj.

Il locale, articolato su due piani, era stato allestito con due sale comunicanti e attrezzate con divanetti, una postazione riservata al dj e una terza sala con sedie e tavoli adibita alla ristorazione. Al momento delle verifiche nei vari ambienti i poliziotti hanno trovato numerosi avventori, molti dei quali intenti a ballare e altri a consumare bevande.

Due le dipendenti incaricate di riscuotere il prezzo del biglietto di ingresso e a rilasciare le tessere d’iscrizione dell’associazione senza alcuna formalità. Nel corso delle indagini gli investigatori hanno accertato come inserzioni pubblicitarie sul web, su siti internet dedicati, promuovessero spettacoli ed eventi nel locale di disco dance, regolarmente aperto al pubblico.

Al termine degli accertamenti e delle verifiche effettuate dai poliziotti, che hanno permesso di accertare anche altre irregolarità amministrative, il titolare è stato denunciato in stato di libertà ed il locale è stato posto sotto sequestro. Sono state invece le irregolarità sistematicamente riscontrate nel corso di alcuni controlli e le lamentele di alcuni cittadini a portare alla chiusura di un bar nel quartiere Tiburtino.

Questa volta sono stati gli agenti del commissariato Sant’Ippolito a effettuare un controllo all’interno del locale in via Tiburtina. Sono state infatti diverse, nel corso degli ultimi mesi, le segnalazioni di musica ad alto volume e le irregolarità di carattere amministrativo a rendere necessario l’intervento delle forze dell’ordine. Problematiche spesso relative alla particolare rumorosità dei clienti che si affollavano all’esterno del locale ed alla loro condotta spesso irrispettosa del decoro urbano. Ieri mattina i poliziotti hanno notificato al titolare il provvedimento di sospensione della licenza e la chiusura del locale.