I veleni di Colleferro: bufera in Comune

0
27

La questione ambientale è sempre “caldissima” a Colleferro, ma in queste ore torna d'attualità. E' slittato di nuovo il Consiglio comunale straordinario in programma per venerdì prossimo che era stato inizialmente previsto per il 16 novembre scorso e poi rinviato su richiesta della minoranza.

La sessione, che aveva un unico punto all’ordine del giorno riguardante la “Situazione Ambientale: informazione e analisi dati Rapporto E.R.A.S.. Messa a norma Azienda Italcementi. Problematiche e prospettive”, avrebbe visto in discussione, oltre a tale punto, anche una mozione presentata nel Consiglio comunale del 30 ottobre, relativa alla “Chiusura Impianti di Termovalorizzazione, messa in atto sistemi di controllo e realizzazione servizio di sorveglianza epidemiologica”.

Nel Consiglio di ieri, invece, la minoranza ha chiesto al sindaco Cacciotti delle spiegazioni urgenti sulla voce del ritiro della delega all'assessore all'Ambiente, Cinzia Sandroni. «Abbiamo una lettera che conferma questa decisione – rivela il capogruppo comunale del Pd Vincenzo Stendardo –, ma Cacciotti ha rifiutato il confronto in aula su questo che riteniamo una scelta molto importante». Stendardo conferma la presenza del Pd alla grande manifestazione di sabato a Colleferro, organizzata da Cgil, Cisl, Uil, Ugl ed istituzioni locali «per un nuovo modello di sviluppo».

«L’intento è quello di avviare un processo di condivisione tra forze produttive, cittadinanza, istituzioni e parti sociali per rilanciare il territorio attraverso un nuovo modello di sviluppo sostenibile – affermano i rappresentanti dei sindacati territoriali –. Una grande manifestazione che deve essere l’inizio di un percorso che abbia al centro la crescita dell’area, l’occupazione e la tutela ambientale ». In piazza ci saranno anche i lavoratori Alstom, Kss, Italcementi (la quale sembra abbia risolto i problemi che ne avevano portato al sequestro, anche se rimane misterioso il silenzio ufficiale dell'Amministrazione su questo tema), Gaia e Videocom, che vivono sulla propria pelle le conseguenze della crisi industriale che sta colpendo duramente tutta l’area di Colleferro e della Valle del Sacco.

Il corteo partirà da piazzale Unitalsi alle ore 9.30 e si concluderà a piazza Italia, dove si terrà il comizio dei sindaci e dei segretari generali regionali e territoriali di Cgil, Cisl, Uil e Ugl. Domenica scorsa, infine, nuova segnalazione del comitato di residenti di Colleferro ai carabinieri locali per i fortissimi cattivi odori prodotti dalla discarica di Colle Fagiolara.