Tivoli, sequestrate 5 tonnellate di fuochi d\’artificio

0
59

Oltre cinque tonnellate di fuochi d’artificio sono state sequestrate dai finanzieri all’interno di un deposito gestito da un cittadino cinese, nei pressi del centro abitato a Bagni di Tivoli.

Con l’approssimarsi delle festività di Natale e Capodanno e il prevedibile aumento della vendita di giochi pirotecnici, nel magazzino era stato stoccato un quantitativo di materiale esplodente di gran lunga superiore al limite consentito dalla licenza di esercizio rilasciata dall’autorità di pubblica sicurezza.

Tutti i prodotti rinvenuti – che erano stati importati in Italia come merce di “libera vendita”, sebbene contenessero polvere pirica in quantità piuttosto elevate – erano stoccati con altra merce infiammabile, potendo mettere seriamente a rischio l’incolumità pubblica degli abitanti della zona.

Il responsabile del deposito, un cittadino cinese, è stato denunciato a piede libero alla Procura della Repubblica di Tivoli per detenzione di prodotti in misura superiore al limite di cinquecento chili stabilito dall’autorizzazione di Pubblica Sicurezza. Il valore commerciale dei prodotti sequestrati ammonta a circa un milione di euro.