Guidonia, truffava tabaccherie facendosi ricaricare postepay

0
24

Truffa e insolvenza fraudolenta. Questi i reati per i quali è stato arrestato dagli agenti di Guidonia un italiano 42enne. L’uomo, responsabile di aver raggirato numerosi esercizi commerciali della zona, è stato individuato e bloccato nella giornata di ieri dagli investigatori.

Il 42enne entrava nelle tabaccherie della zona abilitate alla ricarica delle carte prepagate tipo postepay e, ogni volta cambiando esercizio pubblico, si faceva ricaricare la propria postepay di importi variabili tra i 200 e i 500 euro.

Considerando che ad ogni ricarica l’uomo doveva fornire le proprie generalità, nonché il c.f., ha dovuto “ricercare” ogni volta un espediente diverso per ottenere comunque la ricarica; infatti ad alcuni avrebbe detto di aver smarrito la carta d’identità, ad altri che aveva lasciato i documenti in macchina oppure gli lasciava qualche effetto personale a garanzia e che a breve sarebbe ritornato per pagare. Alla fine dell’indagine si sono contati oltre 20 esercizi commerciali truffati.

Le denunce presentate dai titolari degli esercizi truffati e il comunicato che la FIT aveva trasmesso alle consociate tabaccherie per metterle in guardia di quanto segnalato dalle “vittime”, hanno portato i poliziotti di Guidonia a predisporre un adeguato servizio di osservazione e vigilanza che, in poche settimane, ha portato a individuarne l’autore: la conseguente perquisizione ha portato al sequestro di materiale frutto dell’illecito, nonché della carta postepay utilizzata per compiere le truffe. Identificato per C.G., l’uomo dovrà ora rispondere per i reati di truffa e insolvenza fraudolenta.