Ciampino, crollo in asilo: bimba ferita

0
31

Prima il boato, poi la grande paura dei bambini che sono scoppiati in lacrime. E' stata una tragedia sfiorata quella avvenuta ieri mattina in una classe della scuola dell’infanzia della “Martin Luther King” di via Bologna a Ciampino dove si è verificato il crollo di una parte del solaio.

I calcinacci hanno colpito di striscio una bambina di cinque anni che è stata trasportata presso l'ospedale di Albano. Spaventata dall'episodio, la maestra che era all'interno dell'aula ha avuto un malore, ma entrambe non hanno riportato danni gravi. Sul posto sono immediatamente intervenute tre squadre dei vigili del fuoco, oltre alla polizia locale e ai mezzi di soccorso dell'Ares 118 che hanno prestato le prime cure alle due ferite.

Un episodio reso ancor più inquietante dalla “freschissima” ordinanza di chiusura (per un giorno) emessa lo scorso 6 novembre dal sindaco di Ciampino Simone Lupi a causa di alcuni problemi «agli impianti e alle apparecchiature tecniche», anche se ovviamente non c'è ancora nessuna certezza sul nesso tra i due episodi e tra l'altro la riapertura dell'istituto scolastico era avvenuto dopo un intervento di verifica da parte dei tecnici competenti.

L'Amministrazione comunale, in una nota, ha voluto precisare, infatti, che «l’accaduto non è riconducibile a problemi strutturali dell’edificio scolastico. I dirigenti degli uffici preposti si sono recati immediatamente presso l'istituto insieme al sindaco Simone Lupi e agli assessori competenti per verificare, insieme al dirigente scolastico, l’entità del danno e le sue conseguenze».

Il Comune, che ha predisposto un’ordinanza di chiusura della scuola dell’infanzia di via Bologna fino al 21 dicembre, ha specificato che «il sindaco ha raggiunto telefonicamente i genitori della bambina che lo hanno tranquillizzato sullo stato di salute. Le sono state diagnosticate alcune escoriazioni alla testa e due giorni di osservazione».

Per il preside della scuola Carlo Magnelli, contattato anche dal ministro dell'Istruzione Francesco Profumo che ha voluto informarsi sulle condizioni di salute delle due persone coinvolte, l'episodio poteva fare danni maggiori e comunque sarebbe legato alla rottura di tre pignatte piazzate tra le travi del solaio. La scuola dell'infanzia ospita circa 250 alunni e fa parte di un istituto comprensivo che annovera circa 1300 studenti.

Tiziano Pompili