METRO B, Vandali danneggiano interruttore emergenza a termini: ritardi e blocchi

0
47

Un grave atto vandalico è avvenuto questa mattina nella fermata Termini della linea B della metropolitana. Ignoti hanno prima azionato e poi divelto l'interruttore di emergenza che si trova lungo la banchina, provocando l'azionamento dei dispositivi di sicurezza generali che, per precauzione, hanno interrotto l'erogazione dell'energia elettrica sull'intera linea bloccando i treni nelle stazioni, come nel caso di un convoglio diretto a Laurentina rimasto fermo tra le stazioni di Tiburtina e Bologna per qualche minuto.

 L'azionamento indebito del sistema di emergenza ha provocato, quindi, interruzioni a catena, ritardi elevati e blocchi lungo l'intera metro B/B1 a partire dalle 8.30 e sino alla conclusione dell'intervento dei tecnici, i quali – nonostante la rapidità delle operazioni – sono stati costretti a sostituire integralmente l'apparato.
Contro il grave atto di vandalismo Atac ha già presentato una denuncia alle forze dell'ordine mettendo a disposizione degli investigatori le immagini delle telecamere di videosorveglianza.

 

Aggiornamento ore 11:26

METRO B, ATAC: SI SOSPETTA SECONDO ATTO VANDALICO A EUR FERMI

"Si sospetta che un atto vandalico analogo a quello di Termini sia stato compiuto anche nella stazione di Eur Fermi, dove è stato indebitamente azionato il comando di sicurezza posto sulla banchina che sospende l'erogazione dell'energia elettrica su tutta la linea in caso di emergenza". Così Atac in una nota. 

"Tecnici di Atac – continua la nota – sono al lavoro per ripristinare i sistemi interrotti e cercare di garantire regolarità al servizio che, dopo i blocchi originati dall'atto vandalico a Termini, hanno visto successivamente l'interruzione completa sulle tratte B/B1 dalle 9,40 alle 10,20 e la limitazione dei treni a Castro Pretorio a partire dalle 10,20. E' stato attivato il servizio sostitutivo su bus nella tratta Castro Pretorio – Laurentina e viceversa".
"Nelle ultime settimane abbiamo verificato il ripetersi di interruzioni e blocchi delle metropolitane che, alla luce di quanto accaduto oggi, non appaiono più tanto casuali – dichiara l'Amministratore delegato di Atac, Roberto Diacetti – stiamo interessando con denunce e materiale probatorio gli inquirenti affinché sia fatta piena luce su quanto accaduto. Personalmente e a nome dell'Azienda, stigmatizzo e condanno con forza atti sconsiderati che interrompono un servizio pubblico e creano un danno incalcolabile agli utenti limitando il loro diritto alla mobilità".