Ostiense, lesioni e tentata rapina ai danni di un connazionale

0
66

I carabinieri, nell’ambito dei controlli effettuati nella zona della stazione Ostiense, hanno arrestato con l’accusa di tentata rapina, lesioni personali aggravate e porto abusivo di arma, due cittadini romeni senza fissa dimora, di 33 e 54 anni, entrambi disoccupati e già conosciuti alle forze dell’ordine.

I due nei pressi di piazzale dei Partigiani sono stati bloccati mentre, armati di coltello stavano aggredendo, nel tentativo di rubargli il portafogli, un loro connazionale di 26 anni, operaio edile.

Lo straniero a seguito dell’aggressione si è opposto ed è stato colpito dai rapinatori con una bottiglia di vetro alla testa e al volto con una serie di pugni. Sfortunatamente per loro i militari sono prontamente intervenuti riuscendo a bloccarli mentre il 26enne è stato soccorso e trasportato in ospedale dove è stato medicato e dimesso con 10 giorni di prognosi.

Subito dopo gli aggressori sono stati accompagnati in caserma e trattenuti in attesa di essere sottoposti al rito direttissimo.

È SUCCESSO OGGI...

Trascinata dietro ai cassonetti e molestata: orrore in pieno centro

Bloccata per le spalle, trascinata dietro ai cassonetti della spazzatura e toccata nelle parti intime. È questo il racconto che, una ventenne, in stato di shock, ha fatto agli agenti degli equipaggi della Polizia di...
sedativi

Roma, gru si ribalta: operaio muore schiacciato

Un operaio di 57 anni, di origini calabresi, è morto in un infortunio avvenuto questa mattina intorno alle 11.40 nei pressi di un depuratore in via degli Alberini, a Roma. Secondo quanto accertato dai carabinieri,...

Sziget Release Party a Roma: i Moseek in concerto

Dopo “l’assaggio” di Coachella e Primavera Sound dello scorso anno, il Quirinetta di Roma continua ad anticipare e stuzzicare le orecchie con anteprime dei grandi festival internazionali: lo fa il 13 maggio con il...

Mafia capitale, Buzzi e il Karaoke della corruzione

Nel corso della requisitoria del procuratore aggiunto Paolo Ielo nell'aula bunker di Rebibbia ricompare il nome dell'ex sindaco Gianni Alemanno  la cui posizione, va ricordato, è stata stralciata dal maxi-processo 'Mafia Capitale' ed è...

Palpeggiava e molestava le sue allieve: orrore a Roma

Quando sulle lavagne di alcune aule di un istituto scolastico del Prenestino è apparsa la scritta “pedofilo”, associata al cognome di uno dei professori, la Polizia di Stato, nel più assoluto riserbo, era già...