Malagrotta, Codici: «Ricorso contro provvedimento del commissario»

0
37

L’associazione Codici si schiera contro l’autorizzazione integrata ambientale rilasciata dal commissario Goffredo Sottile per la discarica provvisoria a Monti dell'Ortaccio, in attesa di un documento ufficiale che certifichi l'assenza del pericolo di inquinamento della falda, e contro la proroga di Malagrotta per un periodo di cento giorni per quanto riguarda il rifiuto intrattato e centoottanta giorni per il rifiuto trattato.

Valle Galeria, – spiegano dall’associazione – area in cui insistono Malagrotta e Monti dell’Ortaccio, è una zona altamente inquinata, come documentano le analisi dell’ARPA Lazio e dell’ISPRA; tale inquinamento è la causa di svariati problemi alla salute per la popolazione locale.

A confermarlo la relazione epidemiologica effettuata dalla ASL; nell’area è presente un acquifero superficiale dovuto prevalentemente all'alimentazione delle acque di precipitazione meteorica al di sopra dello strato di argilla di base. Le indagini hanno evidenziato la presenza di un ampio spettro di metalli e metalloidi e sostanze aromatiche tipici dell’inquinamento da discarica; non sono state effettuate adeguate prove di stabilità e geologiche”.

“L’associazione – dichiara Ivano Giacomelli, Segretario Nazionale del Codici – non può che esprimere nuovamente forti perplessità sulla vicenda e continuare la sua lotta per la tutela della salute dei cittadini di Valle Galeria. In base a quanto appena detto, il Codici annuncia il ricorso al Tar Lazio contro il provvedimento del Commissario Sottile. La tortuosa vicenda, insomma, non accenna a concludersi. Come anche le proteste dei cittadini, che non sospendono le manifestazioni neanche durante le festività. L’ultima solo ieri, a Monti dell’Ortaccio, dove dovrà sorgere la nuova discarica provvisoria, come prescrive il piano del Commissario Sottile. In tale contesto il Ministro Clini si è impegnato a riconsiderare le autorizzazioni rilasciate dal Commissario, ma i cittadini rimangono ugualmente preoccupati per le condizioni attuali".

“Per quanto ancora i cittadini dovranno farsi carico di questa situazione? – commenta Ivano Giacomelli, Segretario Nazionale del Codici – Tutta la zona che insiste intorno a Malagrotta è fortemente inquinata. Gli studi e le analisi finora condotte ci dicono che l’area presenta forti livelli di inquinamento tanto da provocare patologie, anche gravi, ai residenti".