Disabili: intesa tra Atac, Comune e associazioni per mezzi pubblici più accessibili

0
38

Garantire l'accessibilità e la sicurezza alle persone con disabilità in tutti i luoghi pubbici, nonchè la piena fruibilità delle linee metropolitane e dei servizi di superficie. Si tratta del Protocollo d'intesa tra Roma Capitale, Atac, Agenzia per la mobilità, Fand, Fish Lazio, Adv onlus, Anglat e Uici Roma, presentato in Campidoglio.

A sottoscrivere l'intesa, che prevede di procedere all'istituzione di un tavolo permanente di consultazione, il sindaco Alemanno, l'assessore capitolino alla Mobilità Antonello Aurigemma, il presidente Atac, Roberto Grappelli, il presidente Fand provinciale di Roma Enrico Troiani, il presidente Fish Lazio Dino Barlaam, il presidente Adv onlus Giulio Nardone, il presidente Anglat Roberto Romeo e il presidente Uici Roma Giuliano Frittelli.

Il protocollo prevede in particolare che nei rifacimenti delle stazioni esistenti e nella costruzione di quelle nuove i progetti che riguardano l'accesso e la sicurezza saranno presentati al tavolo permanente prima della messa in opera; tutte le stazioni delle linee metropolitane saranno interessate da un piano per l'installazione ex novo o l'adeguamento di mappe e percorsi tattili ed è in corso di ultimazione il progetto di ristrutturazione del "nodo Termini" secondo criteri di accessibilità e sicurezza.

Inoltre, le 15 stazioni della linea A attualmente non dotate di percorsi tattili e di mappe a rilievo saranno dotate di tali ausili entro tre anni dalla firma del protocollo. Per quanto riguarda i percorsi e le mappe tattili, è prevista in ogni stazione la realizzazione di mappe tattili informative generali sull'articolazione dei percorsi all'interno delle fermate con scritte in Braill e "large print" a identificazione delle scale fisse, delle scale mobili, degli ascensori e dei servizi igienici.

Con il protocollo "si conferma l'impegno ad assicurare su tutte le vetture la funzionalità dei dispositivi vocali" di annuncio fermata e di eventuale variazione di percorso, oltre a realizzare o adeguare progressivamente le banchine e le fermate sui marciapiedi dotandole di opportuni percorsi tattili per localizzare la palina e l'area di attesa.