«La differenziata si allarga». Peccato che non funziona

0
82

Dopo avere attaccato per mesi Zingaretti e l'Amministrazione provinciale ora è tempo di annunci per il sindaco Alemanno. Del resto, bisogna ricordarselo, siamo in campagna elettorale.

Ieri è andato in scena l'ennesimo "spot", con tanto di video diffuso da Omniroma: «Entro aprile riusciremo a far partire la raccolta differenziata in altri municipi» ha annunciato il primo cittadino romano. Che ha elencato i risultati raggiunti dalla sua Amministrazione in tema di porta a porta, rispondendo così al ministro Clini, che due giorni fa lo aveva sonoramente bacchettato.

Secondo il sindaco «dal 15 dicembre Roma ha raggiunto il 30% di differenziata», mentre «sono cinque i municipi dove partirà la differenziata nel 2013. Proprio questa mattina (ieri ndr) – ha proseguito – ho telefonato ai vertici dell'Ama per chiedere di partire con i primi municipi già ad aprile per poi coinvolgere gli altri e completare tutto entro giugno in modo tale da fare un salto di livello, arrivare al 40% di differenziata, facendo diventare Roma la città italiana con la più alta percentuale di differenziata».

Un vero e proprio miracolo. E tutto in pochi mesi. Peccato però che nei municipi nessuno pare essersene accorto. Il Quarto è stracolmo di immondizia, come abbiamo avuto modo di documentare nei giorni scorsi. «Speriamo solo che non sarà un altro flop come accaduto nel municipio IV» – ha commentato ieri a caldo Stefano Tersigni, prossimo candidato. Sono anni che governa senza preoccuparsi di questa emergenza».

E anche in centro la situazione è allarmante. Proprio ieri Matteo Costantini, candidato presidente al Municipio I con la lista Uniti per il Centro Storico ha elencato i vizi della raccolta. «Occorre rivedere orari e punti di raccolta. E’ impensabile – continua Costantini – fare di piazza di Spagna il punto di raccolta della spazzatura. Significa non avere alcun rispetto per l’area monumentale della nostra città. Impossibile anche costringere i cittadini a inseguire con le buste in mano i furgoni dell’Ama in tutti i vicoli del centro, davanti agli sguardi allibiti dei turisti. Per non parlare – aggiunge – dei negozi, che lasciano i cartoni per strada, mentre i residenti devono tenerli in casa, sommersi da sacchi di bottiglie di plastica, dal vetro e dall’alluminio. Occorre – conclude Costantini – riorganizzare la raccolta porta a porta, evitando questo spettacolo indecoroso per il centro storico della Capitale».

Carmine Seta

È SUCCESSO OGGI...

Chiude la figlia in macchina e va a giocare alle slot machines

In preda alla febbre del gioco, ha preso l'auto della donna per cui lavora come badante, ha parcheggiato nei pressi di un bar di Villanova di Guidonia, chiuso la figlia di 7 anni in...

Presa a pugni dal compagno, si difende con un frigorifero

Un frigorifero dietro la porta e la chiamata al 112: così si è difesa dal suo aguzzino una donna di 46 anni che, in un anno e mezzo di convivenza, aveva già perdonato  il...

Pomezia, incendio nella sede comunale: indagini in corso

La sede comunale di piazza Indipendenza è stata oggetto la scorsa notte di un attentato incendiario al piano terra. Fortunatamente l’intervento delle forze dell’ordine è stato tempestivo e ha evitato danni gravi. “Un grave attentato...

Castelli Romani devastati dalle gelate, compromessi i raccolti della frutta. Bruciati ettari di vigneti

“Il bilancio dei danni è pesantissimo. Vigneti, piantagioni di kiwi, frutteti, ortaggi. Una vera e propria caporetto per la nostra agricoltura. E dire che non abbiamo ancora finito il monitoraggio sul territorio e i...

Vedono turisti con la maglia della Lazio e li aggrediscono: in manette ultras romanisti

Dalle prime ore di questa mattina, gli agenti della Polizia di Stato della Digos di Roma, stanno eseguendo delle misure cautelari a carico di esponenti ultras romanisti, indagati per l’aggressione in danno di alcuni...