Vittime della strada: maglia nera alla Cristoforo Colombo

0
89
 

Troppo traffico, troppi incidenti e troppi morti sulle strade della capitale. E dalle cronache degli ultimi giorni la tendenza non sembra invertirsi in questo inizio 2013: l’ultima vittima è un pedone investito sulla circonvallazione Clodia lo scorso 18 gennaio, appena un giorno prima c’è stato un incidente mortale sul raccordo, prima ancora a Tor Sapienza, e il 13 gennaio a perdere la vita sul Lungotevere è stato un pedone di 26 anni.

Le strade più pericolose della capitale, stando agli ultimi dati, quelli del primo semestre 2012, sono le consolari. Cinque davanti a tutte: tra Prenestina, Cassia, Tiburtina, Collatina e Cristoforo Colombo un totale di 1261 incidenti, 820 feriti e 15 morti. Una vera e propria classifica delle strade killer, dei cosiddetti “blackpoint”, quella stilata dal Codici.

La strada più pericolosa è la Cristoforo Colombo, con due morti e con il maggior numero di incidenti, 345, e feriti, 257. A seguire la Prenestina, con 322 incidenti, 204 feriti e ben 4 vittime. Tre i morti sulla Tiburtina, sulla Collatina e sulla Cassia, che conta 190 incidenti. Da non sottovalutare la pericolosità della Salaria, con 153 incidenti e 94 feriti e soprattutto di viale del Foro Italico che, nonostante la sua brevità, conta due vittime e 72 incidenti.

Neanche i pedoni se la passano bene: da dicembre 2012 a oggi ci sono ben 4 vittime, mentre l’Aivis (Associazione Italiana Vittime e Infortuni della Strada) conta ogni anno circa 600 pedoni travolti in tutta Italia. In via Ciamarra, a Cinecittà Est, i residenti denunciano una vera e propria emergenza pedoni negli ultimi mesi: molti quelli investiti, una donna è anche morta.

«Anche se c’è una leggera diminuzione, gli incidenti restano comunque troppi. Da tempo abbiamo avviato un osservatorio per rilevare i blackpoint, in modo da indirizzare la pubblica amministrazione ad agire. – spiega il segretario generale del Codici Ivano Giacomelli – Roma non ha un piano del traffico, e nel corso del tempo si è attuata la politica di ridurre la velocità dei veicoli, per cui in 200 metri hai tre semafori spesso neanche coordinati tra loro. Ma così si crea traffico, è la concentrazione di auto che aumenta l’esposizione al rischio, infatti i dati ci dicono che la maggior parte degli incidenti avviene sulle consolari all’interno di Roma, dove la velocità è più contenuta». Lui auspica un’altra città, con grandi consolari di scorrimento, libere da incroci e semafori, e attraversamenti pedonali indipendenti da quello stradale.

Le pecche sulla manutenzione fanno il resto: «Ci vorrebbe una manutenzione continua, tempestiva, è normale che una crepa alla prima pioggia diventi voragine». In aula Giulio Cesare è particolarmente battagliero sulla questione il consigliere Pd Dario Nanni, che ha presentato una proposta di delibera: un organismo di costante monitoraggio degli incidenti stradali, interventi sulla segnaletica, dissuasori di velocità, interventi particolari mirati a ciclisti e pedoni. «E’ un problema con cui ci dobbiamo confrontare, anche se c’è stata una piccola diminuzione non ci si può accontentare. – dice – A Roma molte strade sono pericolose, c’è scarsa manutenzione. E, soprattutto, bisogna pensare ai pedoni e ai ciclisti».

Intanto, recentemente, il governo ha prorogato ancora una volta e tra le polemiche l’emergenza traffico, che va avanti dal 2006, conferendo i poteri speciali al sindaco Alemanno. Poteri di agire in deroga alle leggi esistenti che il sindaco non deve aver sfruttato bene, se si pensa che ben poco è cambiato in questi ultimi 4 anni sulle strade romane. «I risultati ottenuti, è sotto gli occhi di tutti, non sono quelli sperati», è il commento di Dario Nanni. Mentre il segretario del Codici Giacomelli parla di una città che si è arresa all’emergenza e di una vera e propria ferita alla democrazia: «Se ci aggiungiamo il fatto che nonostante tali deroghe non si riesca a intervenire, vuol dire che c’è un problema di lobby e di interessi che prevalgono sull’interesse pubblico. Si punta a piani che minimazzino le spese e massimizzano i guadagni per il privato, il tutto con l’aiuto della politica».

Davide Lombardi

 

È SUCCESSO OGGI...

Rubano auto e rivendono i pezzi in tempi record

Tempi da pit-stop per due giovani romani che si erano specializzati nello smontare in pochi minuti auto rubate di piccola e media cilindrata. Alcuni giorni di indagini a cura degli investigatori della squadra di polizia giudiziaria della...
cerveteri Annalisa Belardinelli Alessio Pascucci

Cerveteri, Annalisa Belardinelli e Alessio Pascucci: il “faccia a faccia”

di ALBERTO SAVA L’astensionismo è in assoluto il primo partito a Cerveteri. E se le migliaia di elettori che si sono tenuti lontani dalle urne al primo turno decidessero di andare a votare? Un auspicio...

Investe una signora anziana con la macchina e scappa

Ieri alle 18:30 circa una signora anziana di ottant’anni è stata investita da una Renault Clio il cui conducente si è dato alla fuga senza fermarsi e prestare soccorso. Il fatto si è verificato a Roma...

Sospetti fermati in macchina: a casa avevano cocaina, marijuana e hashish

19mila euro in contanti, 680 grammi di mannite, diverse dosi di hashish e di cocaina, 2 piante di marijuana alte circa 30 cm e diverso materiale per il confezionamento. Responsabili, due giovani incappati in...

Ubriaco aggredisce il proprietario di un pub con una bottiglia rotta

“Una birra, prego”. Una richiesta normale per un proprietario di un pub romano, nelle vicinanze di Piazzale degli Eroi, se non fosse che il cliente davanti a sé, era palesemente ubriaco. Al rifiuto del gestore di...