Tvioli, spacciava davanti al \”SerT\”: in manette

0
23
 

A seguito di una mirata attività investigativa finalizzata a contrastare il fenomeno del traffico di stupefacenti, gli agenti del commissariato di Tivoli hanno individuato un italiano di 40 anni, punto di riferimento per alcuni tossicodipendenti. L’uomo, come accertato nelle indagini della polizia, si posizionava proprio vicino al Ser.T. della Asl di Tivoli e lì effettuava giornalmente l’attività di vendita “al minuto” di stupefacenti. Poi continuava la sua attività anche presso un esercizio pubblico della zona.

I vari servizi di appostamento e pedinamento effettuati dai poliziotti della squadra investigativa, hanno permesso di verificare che proprio presso la struttura sanitaria per il recupero dei tossicodipendenti, l’uomo effettuava la sua attività di spaccio nei confronti di giovani abituali consumatori di stupefacenti. Il continuo “andirivieni” di persone che, prima entravano nel presidio sanitario per assumere la dose giornaliera di metadone e subito dopo si incontravano con lo spacciatore dal quale, previo pagamento, ricevevano lo stupefacente, ha insospettito i poliziotti.

L’attività di spaccio, interrotta nella mattinata, ha portato al sequestro di 13 grammi di eroina suddivisa in varie dosi, alcuni grammi di hashish e alcune dosi di eroina e cocaina. Oltre alla droga, gli agenti hanno sequestrato 370 euro in banconote di vario taglio, un bilancino di precisione e materiale per il confezionamento delle dosi. Dall’esame dei numerosi contatti e messaggi presenti sul telefono cellulare, si è potuto desumere una intensa attività di spaccio da parte dell’arrestato. L’uomo, accompagnato presso gli uffici del commissariato, è stato arrestato per la detenzione ai fini di spaccio di stupefacente, con l’aggravante di aver commesso il fatto proprio davanti ad una struttura sanitaria pubblica.