Topi d\’appartamento in manette a Primavalle e Monteverde

0
27
 

Due "topi d'appartamento" in manette a Primavalle e Monteverde. I poliziotti, nella notte, sono intervenuti presso uno stabile di via Francesco Marconi, dove era stato segnalato un furto in un appartamento. Gli agenti, giunti quasi subito sul posto, impossibilitati a effettuare il controllo nell’appartamento segnalato a causa dell’assenza della proprietaria, non hanno voluto perdere tempo e, approfittando della cortesia di un condomino dell’edificio, si sono fatti prestare una scala per cercare di raggiungere il balcone interessato.

Riusciti a raggiungerlo e a calarsi, i poliziotti, tra vasi di piante e oggetti da giardino, hanno sorpreso un uomo che si stava nascondendo per non essere arrestato. Sfortunatamente per lui, le cose non sono andate proprio così. I poliziotti, infatti, lo hanno individuato e bloccato. Atteso l’arrivo della proprietaria, nel frattempo avvisata gli agenti sono entrati nell’appartamento e proceduto al controllo dell’immobile.

Fortunatamente il ladro non era riuscito ad entrare, anche se tapparella e finestra di una delle stanze erano state forzate e danneggiate con un cacciavite, poi ritrovato indosso all’arrestato. Identificato per C.N.M., rumeno di 22 anni, con a carico numerosi precedenti di polizia, è stato accompagnato in commissariato dove, al termine degli accertamenti è stato arrestato, per rispondere di tentato furto. Un altro arresto, sempre per tentato furto in appartamento, è stato eseguito dagli agenti delle volanti e dei commissariati Monteverde e S. Paolo, che alle prime ore dell’alba hanno evitato un furto in danno di una società che ha gli uffici in via Antonio Bennicelli.

Dopo la segnalazione di rumori sospetti gli agenti, impegnati nel servizio di pattugliamento della zona, si sono precipitati sul posto ed hanno notato un uomo che alla loro vista ha cercato di nascondersi, “penzolando” per alcuni istanti dal balcone di un appartamento del secondo piano. Gli agenti hanno atteso che scendesse e lo hanno bloccato, trovandolo in possesso di svariati attrezzi atti allo scasso e una torcia di piccole dimensioni.

Da un successivo sopralluogo effettuato in tutto lo stabile, è emerso che la porta di ingresso dell’appartamento al secondo piano, dove ha sede la società, era stata forzata dal “ladruncolo” e solo grazie all’intervento delle volanti il “lavoro” non era stato portato a termine. Anche in questo caso per l’uomo, A.K., albanese di 47 anni sono scattate le manette per tentato furto. Sarà inoltre denunciato per il possesso di attrezzi atti allo scasso.