Accoglienza stranieri in ospedale, a Roma il primo corso di formazione

0
56
 

Per la prima volta in Italia si svolgerà a Roma un corso di formazione sull’accoglienza degli stranieri e delle diversità culturali e religiose nelle strutture sanitarie. È infatti sempre più sentita l’esigenza di fare in modo che il malato – anche quello straniero, possa affrontare la malattia e le cure con quella serenità senza la quale non può esserci collaborazione con i medici, il personale sanitario e le strutture.

«Quando il malato si sente accolto e rispettato, – si legge in una nota del Cesv – anche le cure hanno maggiore efficacia, i costi si abbassano, le famiglie sono più collaborative e meglio in grado di affrontare il dolore e la morte. Per questo motivo la Asl RmE, con il Tavolo Interreligioso di Roma, l’Avo (Associazione Volontari Ospedalieri) del Lazio, l’Associazione Religions for Peace, un gruppo di associazioni e i Centri di servizio per il volontariato Cesv e Spes hanno lavorato a un progetto che è sfociato nella pubblicazione dell’opuscolo su “L’accoglienza delle differenze e delle specificità religiose nelle strutture sanitarie ospedaliere e territoriali della Regione Lazio”, reperibile nel portale www.volontariato.lazio.it, che ha vinto il Public Affaire Awards 2012.

Il corso – conclude la nota – è rivolto a volontari e operatori che lavorano nel campo della salute, e si svolge dal 5 febbraio 2012 fino al 19 marzo (7 incontri di 3 ore ciascuno), nella sede dei centri di servizio per il volontariato, in via Liberiana 17».