Droga nella Capitale: recuperati soldi, coca e hashish

0
24
 

Sulla carta sono tutti disoccupati ma con un tenore di vita altissimo i tre spacciatori arrestati dalla Polizia nelle ultime 24 ore. Il primo arresto a seguito di un controllo di una pattuglia del Reparto Volanti nella zona della Borghesiana. A bordo di un maxi scooter stava percorrendo via Casilina. Incurante del semaforo rosso, ha superato l’incrocio a forte velocità.

Gli agenti, insospettiti dalla manovra, lo hanno affiancato intimandogli l’alt, ma l’uomo ha accelerato ed ha iniziato a fuggire. Ne è nato un inseguimento durato diversi chilometri, fino a quando altre volanti della Questura, in costante contatto radio con la sala operativa, sono riuscite ad agganciare i colleghi nell’inseguimento e, con una manovra coordinata, hanno bloccato il fuggitivo in via Prenestina.

Costretto a scendere dal mezzo, l’uomo ha tentato un ultimo disperato tentativo di fuga a piedi, lanciando letteralmente lo scooter contro una volante e gettando a terra un involucro di colore bianco prelevato dalla tasca del giubbotto. In forte stato di agitazione, alle domande degli agenti ha risposto con frasi sconnesse. Constatato lo stato di alterazione del giovane, i poliziotti lo hanno controllato e trovato in possesso di 2 coltelli a serramanico a lama lunga e quasi 2000 euro in contanti. Recuperato anche l’involucro buttato a terra, risultato contenere alcuni grammi di cocaina. Identificato, è stato accompagnato presso gli Uffici del Commissariato Casilino.

Approfondito l’accertamento è scattata la perquisizione a casa del fermato, un lussuoso appartamento della zona. All'interno, durante le verifiche nelle diverse stanze dell’immobile, gli investigatori hanno rinvenuto svariati grammi di sostanza stupefacente: hashish, marijuana e danaro. Terminati gli accertamenti per l’uomo, D.C., originario di Napoli, di 39 anni, sono scattate le manette. Dovrà rispondere di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. Denunciato anche per il porto abusivo dei due coltelli e per la guida sotto effetto di sostanze alteranti. Altri due spacciatori sono stati arrestati dagli agenti del Commissariato San Giovanni. 

Fermati per un controllo a bordo di un’autovettura nella zona di piazza Re di Roma, al momento del controllo hanno tentato di nascondere una busta sotto il sedile. Il gesto però non è sfuggito ai poliziotti che, dopo aver fatto scendere i due dall’auto, hanno controllato il veicolo e recuperato l’involucro contenente circa 200 grammi di cocaina. Identificati, sono stati accompagnati in Ufficio, mentre un'altra pattuglia si è diretta verso un albergo del centro dove, dalle indagini effettuate, è risultato risiedere temporaneamente uno dei fermati.

Nella sua stanza gli investigatori hanno recuperato documenti e titoli di viaggio comprovanti svariati spostamenti all’estero effettuati prima di giungere a Roma, che ora saranno attentamente analizzati dagli investigatori. Anche in questo caso per i due spacciatori, E.H. e G.T., entrambi albanesi, rispettivamente di 30 e 31 anni, si sono spalancate le porte del carcere.