L’inaccessibilità dei marciapiedi romani, per i disabili un percorso a ostacoli

0
67

 

Recenti statistiche stimano una presenza, in Italia, di circa 2 milioni e 824 mila persone diversamente abili. Il numero di disabili (di 6 anni o più) che vive in famiglia è di circa 2 milioni 615 mila unità, cioè il 4,85% della popolazione. La maggior parte sono adulti dai 60 anni in poi:  risulta disabile il 17% degli ultrasessantenni (2 milioni 57mila individui) e il 37,7% delle persone di 75 anni e più. I disabili di età inferiore ai 60 anni sono 620 mila, in particolare 188mila hanno fino a 14 anni. Viste le importanti cifre, come predispone le sue strutture una città come Roma, così popolosa e ricca di viaggiatori e turisti? Non sempre bene, purtroppo.

Lo racconta un servizio di Spazioconsumatori.tv, “Disabili a Roma: una vita a ostacoli”, che mostra concretamente le difficoltà recepite dai disabili per spostarsi in alcune vie della Capitale. La passeggiata con Giuseppe Trieste, presidente dell’associazione Fiaba Onlus e candidato alla Camera con Intesa Popolare, parte dalla fermata della metro Marconi. La zona è relativamente centrale, considerando la stretta vicinanza con il quartiere di Trastevere, inoltre è una zona di passaggio che accoglie ogni giorno la circolazione di moltissime persone.

La prima cosa che sottolinea il presidente di Fiaba è che la maggior parte delle fermate della metro non hanno l’ascensore, né lo scivolo per le persone con disabilità. Durante la passeggiata è possibile notare un esempio di ciò che succede fin troppo spesso: una macchina parcheggiata sullo scivolo adibito ai disabili. In quel caso, fortunatamente, la macchina non ostruisce completamente il passaggio, quindi è ancora possibile attraversare la strada sulle strisce pedonali, ma spesso non è così.

La passeggiata continua per viale Marconi, dove si scopre che il marciapiedi è completamente occupato dalle macchine. A questo punto Giuseppe Trieste è costretto a lasciare il marciapiedi, spostarsi sulla strada (senza scivolo) inclinando la carrozzina e continuare il percorso sulla strada, con il rischio di essere travolto dalle macchine. Nelle immagini si vede chiaramente che il marciapiedi, di per sé sarebbe molto largo, di circa 5-6 metri, ma è completamente occupato dalle macchine,  quindi totalmente impraticabile per i disabili.

Ma non solo, anche le mamme con il passeggino, o le persone anziane con difficoltà di equilibrio si ritrovano in difficoltà a percorrere tali spazi. Anche i negozianti a volte fanno un uso spregiudicato dei marciapiedi, usandoli come banchi di vendita per i loro prodotti: in questi casi il pedone dove deve passare? In mezzo alla strada, visto che accanto al marciapiedi si trovano anche le macchine parcheggiate. «Tutto ciò è fin troppo pericoloso – commenta Ivano Giacomelli, Segretario Nazionale del Codici – le persone diversamente abili devono avere il diritto di spostarsi nella città in tutta sicurezza. Per questo motivo invitiamo i cittadini ad un comportamento rispettoso e le amministrazioni ad avviare risanamenti in quelle zone che ancora non hanno le strutture necessarie».

Il presidente di Fiaba Onlus, infine, parla di una sorta di maleducazione diffusa, per questo oggi è necessario invertire tale rotta, ritornare nelle scuole e preparare le nuove generazioni del futuro al rispetto dell’ambiente, perché avere cura di quello che si ha intorno vuol dire avere rispetto di se stessi.

È SUCCESSO OGGI...

Ruba vestiti in un negozio sportivo e scappa

Gli agenti della polizia di Stato della Sezione Nibbio, in servizio di pattuglia con le moto, intervenuti ieri pomeriggio a Roma in via del Corso per la segnalazione di un furto, hanno arrestato un...

Da una borgata all’altra in motorino per spacciare cocaina

É stato bloccato dagli agenti della Polizia di Stato del commissariato Fidene Serpentara, a bordo del suo scooter in Via Ugo Ojetti, con 426 dosi di cocaina pronte ad essere smerciate al Tufello, borgata...

Si finge invalido per derubare un’anziana: ecco la sua tecnica

Un Carabiniere libero dal servizio in forza al Nucleo Operativo della Compagnia Roma Piazza Dante ha arrestato un romano di 30 anni, con precedenti, subito dopo aver strappato una collana d'oro dal collo di...

Villa Ada a fuoco: incendio nel parco

Venerdì sera un principio di incendio (sicuramente di origine dolosa) sprigionatosi accanto a delle panchine in un boschetto non lontano da uno degli ingressi di Villa Ada, sulla via Salaria di Roma, ha rischiato...

3 milioni di euro in orologi e gioielli: smascherato il “tesoretto” della camorra

Nel corso delle perquisizioni scattate nell’ambito dell’operazione “Babylonia” - che ha portato a disarticolare due distinte associazioni per delinquere finalizzate all’estorsione, l’usura, il riciclaggio, l’impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita e...