Ostia, colpo lampo in banca: cassiera sotto shock

0
23

Un coltello da macellaio puntato in faccia alla cassiera e la più terribile delle minacce: “dammi i soldi o t’ammazzo”. Modi sbrigativi ed esperti, italiani tra i 30 e i 40 anni: è l’identikit dei rapinatori che ieri mattina, hanno fatto irruzione nella Unicredit di via delle Antille.

I due uomini, uno con il volto nascosto da sciarpa e cappello, l’altro spavaldo, senza nessuna maschera, si sono presentati alla filiale situata in pieno centro a Ostia intorno alle ore 9. Erano entrambi armati, tra le mani un coltellaccio di quasi venti centimetri di lunghezza e un taglierino. Approfittando della calma momentanea che regnava negli uffici dell’istituto di credito, la coppia si è avvicinata con rapidità alle casse. Il malvivente con il volto scoperto ha tirato per la maglia una delle cassiere, minacciandola con l’arma puntata addosso e intimandole di aprire i cassetti con i soldi. Il complice intanto teneva d’occhio gli altri dipendenti e il paio di clienti, terrorizzati e immobilizzati in un angolo della banca.

Pochi minuti per svuotare le casse, piuttosto vuote visto che l’apertura era avvenuta meno di un’ora prima, e i due hanno riempito un sacchetto con il contante. Poi, avvertendo tutti di non muoversi e di non dare l’allarme, sono usciti dalla Unicredit. I titolari della filiale, ripresisi dallo shock, hanno subito allertato il 112. Sul posto sono intervenuti in breve i carabinieri di Ostia che hanno immediatamente fatto scattare le ricerche dei due criminali.

Nessuno degli impiegati o dei clienti presenti al momento della rapina-lampo, è rimasto ferito: solo per la cassiera, lievemente scioccata dall’accaduto, è stato necessaria una breve assistenza da parte dei sanitari del 118. Alcuni testimoni avrebbero poi riferito di aver visto due uomini salire di corsa su un’auto di grossa cilindrata, a poca distanza dalla banca rapinata. I militari, identikit e filmati delle telecamere alla mano, stanno cercando la coppia su tutto il territorio del litorale romano.

Valeria Costantini