Romanina, spacciavano nella loro roccaforte: arrestate 4 donne dei Casamonica

0
104

Gestivano una vasta attività di spaccio di cocaina dalla loro abitazione, in via Francesco Di Benedetto alla Romanina, una roccaforte inespugnabile con sistemi di protezione come un carcere per eludere i controlli delle forze dell’ordine. A fermarle, dopo circa due anni di indagini, i carabinieri del nucleo operativo della compagnia Roma centro che questa mattina hanno notificato loro un’ordinanza di custodia cautelare per spaccio di stupefacenti.

Si tratta di quattro donne, di 45, 47, 49 e 50 anni, appartenenti al clan Casamonica che gestivano lo spaccio di cocaina dalla loro abitazione. La 45enne e la 50enne sono ora agli arresti domiciliari, le altre due, invece, sono state sottoposte all’obbligo di presentazione in caserma.

Le indagini dei militari dell’Arma, rese difficoltose dal contesto sociale e logistico nel quale le indagate agivano, si sono svolte con attività di osservazione, controllo e pedinamenti giornalieri e notturni, consentendo di sequestrare un importante quantità di droga. Il nome dell’indagine “Alcatraz” prende spunto dalle misure di protezione di cui è composta l’abitazione delle “Casamonica”. E’ una vera e propria fortezza dotata di inferriate massicce sia davanti alla porta d’ingresso che alle finestre del primo e del secondo piano.

Lo spaccio era ben organizzato e regolamentato: aveva inizio nel primo pomeriggio e proseguiva fino a tarda notte con particolari accortezze finalizzate a non farsi scoprire delle forze dell’ordine. I familiari delle indagate effettuavano dei veri e propri pattugliamenti lungo le vie limitrofe all’abitazione per verificare la presenza delle forze dell’ordine mentre lo spaccio veniva effettuato con modalità predefinite note a tutti i clienti: gli acquirenti giungevano a bordo della loro autovettura davanti all’abitazione dei Casamonica e dopo essersi accostati sulla strada, suonavano al citofono ed attendevano fuori dal portone d’ingresso; una delle indagate, dopo aver verificato chi aveva suonato al citofono, apriva il portone di accesso al loggiato esterno e si faceva consegnare il denaro che passava ad un’altra donna all’interno dell’abitazione; un’altra complice prendeva lo stupefacente, normalmente occultato all’interno degli indumenti intimi, e lo consegnava alla donna alla porta che lo passava poi all’acquirente.

Nel corso delle indagini, alcuni clienti, dopo essere stati fermati dai Carabinieri hanno avvisato le donne del clan fornendo loro sia i modelli che le targhe delle auto “civetta”.

È SUCCESSO OGGI...

roma

“Aiuto, c’è una rapina nel mio negozio”. Mattinata di paura a Roma

Grazie a una efficace comunicazione tra gli agenti della Polizia di Stato del commissariato Primavalle e  i commercianti della zona, non è riuscita a farla franca, il malvivente che ierisera, pistola alla mano, ha consumato rapina...
regione lazio

Regione Lazio, ok Standard&Poor. Zingaretti: «Ce l’abbiamo fatta»

Conferma di Standard&Poor`s sui conti in ordine @RegioneLazio è altra buona notizia per il Lazio. Sembrava impossibile, ce l`abbiamo fatta. Lo scrive sul suo profilo Twitter il Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti.   "La conferma...

Di Serio-Curcio, nuovo incontro con questore su Esquilino

"Ieri sera, insieme alle tante energie positive del rione Esquilino, abbiamo incontrato il questore Guido Marino per il secondo di una serie di incontri finalizzati a focalizzare ed affrontare le questioni di sicurezza del...
droga, marijuana

Castel Madama, scoperta serra di marijuana in abitazione: preso un giovane

Ieri pomeriggio, i Carabinieri della Stazione di Vicovaro in collaborazione con i Carabinieri della Stazione Castel Madama hanno arrestato un 32enne, residente nel comune di Castel Madama, per coltivazione di marijuana. Nella sua abitazione, l’uomo aveva...

Obiettivo quiete e minicar sicure: maxi controlli ai Parioli

E' partita giovedì scorso l'intensa attività di controllo della Polizia Locale, svoltasi prevalentemente in via Filippo Civinini e in Piazza Euclide, ai Parioli: da tre giorni decine di pattuglie sono impegnate nell'area per controllare...