Romanina, spacciavano nella loro roccaforte: arrestate 4 donne dei Casamonica

0
167

Gestivano una vasta attività di spaccio di cocaina dalla loro abitazione, in via Francesco Di Benedetto alla Romanina, una roccaforte inespugnabile con sistemi di protezione come un carcere per eludere i controlli delle forze dell’ordine. A fermarle, dopo circa due anni di indagini, i carabinieri del nucleo operativo della compagnia Roma centro che questa mattina hanno notificato loro un’ordinanza di custodia cautelare per spaccio di stupefacenti.

Si tratta di quattro donne, di 45, 47, 49 e 50 anni, appartenenti al clan Casamonica che gestivano lo spaccio di cocaina dalla loro abitazione. La 45enne e la 50enne sono ora agli arresti domiciliari, le altre due, invece, sono state sottoposte all’obbligo di presentazione in caserma.

Le indagini dei militari dell’Arma, rese difficoltose dal contesto sociale e logistico nel quale le indagate agivano, si sono svolte con attività di osservazione, controllo e pedinamenti giornalieri e notturni, consentendo di sequestrare un importante quantità di droga. Il nome dell’indagine “Alcatraz” prende spunto dalle misure di protezione di cui è composta l’abitazione delle “Casamonica”. E’ una vera e propria fortezza dotata di inferriate massicce sia davanti alla porta d’ingresso che alle finestre del primo e del secondo piano.

Lo spaccio era ben organizzato e regolamentato: aveva inizio nel primo pomeriggio e proseguiva fino a tarda notte con particolari accortezze finalizzate a non farsi scoprire delle forze dell’ordine. I familiari delle indagate effettuavano dei veri e propri pattugliamenti lungo le vie limitrofe all’abitazione per verificare la presenza delle forze dell’ordine mentre lo spaccio veniva effettuato con modalità predefinite note a tutti i clienti: gli acquirenti giungevano a bordo della loro autovettura davanti all’abitazione dei Casamonica e dopo essersi accostati sulla strada, suonavano al citofono ed attendevano fuori dal portone d’ingresso; una delle indagate, dopo aver verificato chi aveva suonato al citofono, apriva il portone di accesso al loggiato esterno e si faceva consegnare il denaro che passava ad un’altra donna all’interno dell’abitazione; un’altra complice prendeva lo stupefacente, normalmente occultato all’interno degli indumenti intimi, e lo consegnava alla donna alla porta che lo passava poi all’acquirente.

Nel corso delle indagini, alcuni clienti, dopo essere stati fermati dai Carabinieri hanno avvisato le donne del clan fornendo loro sia i modelli che le targhe delle auto “civetta”.

È SUCCESSO OGGI...

Pomezia, il sindaco Fucci scrive una lettera di diffida all’Eco-X

In data 17.08.2017, il Sindaco di Pomezia Fabio Fucci ha diffidato il legale rappresentante dell’Azienda Eco-x srl, proprietaria dell’immobile e il legale rappresentante dell’Azienda Eco Servizi per l’Ambiente srl, gestore dell’attività condotta nell’immobile, ad...

Carpineto Romano, Busker Festival: l’arte di strada nei vicoli storici

Si rinnova per il 28esimo anno consecutivo il festival di artisti di strada da sempre amato e seguito: il Carpineto Romano Busker Festival, con due giorni unici di teatro, musica, performance e installazioni artistiche all'insegna della libertà.   Dal 1990...

Globe Theatre, ecco Il Mercante di Venezia tradotto e diretto da Loredana Scaramella

Dopo il successo della passata edizione torna anche quest’anno sul palco del Silvano Toti Globe Theatre l’opera di William Shakespeare IL MERCANTE DI VENEZIA tradotto e diretto da Loredana Scaramella. Da giovedì 24 agosto fino al 10 settembre (con le...

In 48 ore arrestati 18 pusher: mezzo chilo di droga e un bottino di...

Nelle ultime 48 ore, mirati blitz antidroga dei carabinieri del Comando Provinciale di Roma hanno portato all’arresto di 18 pusher scoperti in flagranza mentre spacciavano dosi di stupefacente in molte zone della Capitale. Al setaccio...

Canile Villa Andreina incustodito mentre un incendio lambisce le gabbie degli animali

Acilia, domenica ore 13, villa Andreina canile privato convenzionato col Comune di Roma dal mese di giugno 2014, recentemente ha anche ottenuto una proroga. I cani reclusi nella struttura, rigorosamente chiusa al pubblico, sono circa 70 di cui 6 recentemente trasferiti da Muratella oltre...