Almaviva in difficoltà: lunedì convegno a via Rieti

0
34

I lavoratori del gruppo Almaviva hanno indetto per lunedì 18 febbraio una giornata di mobilitazione con 8 ore di sciopero contro la disdetta del contratto integrativo aziendale.

La società, che sviluppa e gestisce sistemi e servizi IT per le principali banche italiane, la Corte dei Conti, le Ferrovie, Inpdap e Inps e per i Ministeri di Agricoltura, Difesa, Economia, Esteri, Giustizia, Interni, Istruzione, Salute è uno dei principali soggetti imprenditoriali del settore a livello nazionale. Purtroppo negli ultimi tempi è stata messa alle corde da un mercato sregolato con tariffe sempre più basse che ormai non coprono nemmeno i costi di produzione, affamata dai mancati pagamenti da parte dello Stato, pressata dalle banche, rischia in questi mesi di essere travolta dalla crisi.

Le Rsu aziendali spiegano come si è arrivati alla situazione odierna:«La crisi del settore (oggi aggravata dai tagli imposti dalla Spending Review) e il ritardo nei pagamenti da parte dello Stato hanno spinto AlmavivA a rivolgersi a un pool di banche che, nell’estate 2012, ha erogato un nuovo finanziamento, vincolandolo al rispetto di obiettivi economicofinanziari particolarmente gravosi a causa dell’attuale situazione di mercato».

Ed è proprio in questo contesto difficile che, come spiegano i sindacalisti «il 18 dicembre 2012 – dopo una trattativa brevissima, senza aver dato risposte chiare sul piano industriale e senza aver discusso di altri possibili interventi di riduzione dei costi – l’azienda ha interrotto il confronto con i sindacati metalmeccanici e con le Rsu e ha comunicato la disdetta unilaterale di tutti gli accordi aziendali in vigore». I lavoratori si oppongono al declino della loro azienda e per questo con una manifestazione in programma lunedì 18 all’Auditorium di via Rieti dalle 15 alle 18 rifletteranno insieme ai sindacati sui temi del lavoro, investimenti e innovazione in un convegno dal titolo “Quale politica industriale per l’informatica italiana: il caso Almaviva”.

Almaviva vive infatti da tempo una situazione di crisi che si trascina ormai dal lontano 2008. Il gruppo Almaviva è nato nel 2005 quando il gruppo COS (contact center), di proprietà della famiglia Tripi, ha acquisito il gruppo Finsiel (informatica), controllato dalla Telecom. Oggi il gruppo AlmavivA occupa più di 22.000 lavoratori, di cui oltre 12.000 in Italia. Il fatturato 2011 del gruppo è di 730 milioni di euro; più di 400 derivano dalle attività informatiche di AlmavivA SpA, l’azienda capogruppo.

cinque