Bracciano, sfruttavano prostitute: sequestrati 80mila euro

0
32
 

I carabinieri di Bracciano, nella serata di ieri, hanno arrestato con l’accusa di favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione un uomo e due donne, tutti cittadini romeni. I militari avevano notato un “fiorire” di prostitute nelle strade della periferia nord di Roma, tra gli abitati di Santa Maria di Galeria e Anguillara Sabazia. Per questo motivo hanno iniziato gli accertamenti volti a verificare se le ragazze lavorassero per proprio conto o se fossero “protette”, quindi sfruttate, da qualcuno.

Appurata l’esistenza dei protettori sono iniziati servizi di osservazione e pedinamento che hanno permesso di individuare le abitazioni delle prostitute e degli sfruttatori, nonché identificare quest’ultimi. Durante i servizi è balzata subito all’occhio dei carabinieri l’elevato tenore di vita condotto dagli sfruttatori, i quali avevano la disponibilità di numerose auto, tra le quali spiccavano due grossi suv della Bmw. Nella giornata di ieri è così scattato il controllo da parte dei carabinieri che hanno fermato la macchina condotta da una delle due donne arrestate, con a bordo due ragazze appena recuperate dalla strada dopo una giornata di “lavoro”.

Immediatamente sono scattate le perquisizioni domiciliari, permettendo di completare il quadro probatorio. Sono stati, infatti, rinvenuti documenti d’identità e di espatrio delle sfruttate, tenuti nascosti nella casa degli altri due arrestati, M.C. e M.S.I., nonché sequestrati 80mila euro in contanti provento dello sfruttamento. Espletate le formalità di rito, gli arrestati sono stati portati al Carcere di Roma “Rebibbia” a disposizione della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Roma.