Otto rapine lampo tra farmacie e supermercati: due in manette

0
20
 

Hanno imperversato per mesi, diventando la preoccupazione di farmacisti e direttori di supermercati, per il numero di rapine lampo messe a segno. In due e sempre con la stessa dinamica, sceglievano soltanto esercizi commerciali con la cassa vicina all’ingresso: il primo rapinatore minacciava con un coltello il cassiere e si faceva consegnare il contante, anche se di poche centinaia di euro, mentre il complice con una pistola teneva a bada gli altri clienti, e poi fuggivano a bordo dello stesso scooter.

I due hanno rapinato lo stesso esercizio a volte con cadenza settimanale, ed in alcuni casi anche 2 volte nell’arco della stessa giornata. Le indagini hanno coinvolto diversi commissariati, poiché il campo d’azione prescelto dai due rapinatori era esteso tra Testaccio, Monteverde e San Paolo. Per individuare i due responsabili gli investigatori hanno esaminato le immagini delle telecamere di sorveglianza attive all’interno di alcuni degli esercizi rapinati, confrontandole poi con le informazioni e gli indizi emersi nel corso delle denunce presentate dalle vittime e dalle varie testimonianze.

In particolare l’attenzione dei poliziotti si è concentrata sulle descrizione della corporatura e degli abiti indossati dai due uomini, spesso gli stessi in diversi episodi, e sul parziale numero di targa della moto. Una serie di controlli e appostamenti organizzati dai poliziotti proprio in concomitanza con le ore di apertura e di chiusura dei negozi, per aumentare le possibilità di individuare i due rapinatori.

Infatti qualche mese fa due uomini corrispondenti alle descrizioni dei rapinatori, sono stati individuati e controllati da una pattuglia di agenti, proprio mentre erano a bordo di uno scooter con targa simile a quella ricercata. Al momento del controllo nel sottosella della moto, risultata rubata, è stato trovato il materiale utilizzato dai due per mettere a segno le rapine.

Alcune delle vittime hanno poi riconosciuto i due, un 46enne e un 43enne, entrambi romani, come i due responsabili delle rapine subite come anche il materiale sequestrato nel sottosella dello scooter. Al termine degli accertamenti i poliziotti hanno richiesto all’Autorità Giudiziaria l’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di entrambi perché riconosciuti come responsabili di 8 rapine.

Le indagini degli investigatori proseguono anche con l’accertamento su ulteriori elementi acquisiti nel corso di altri 45 episodi di rapina. Negli ambienti investigativi non si esclude infatti la possibilità che i due rapinatori possano essere riconosciuti come responsabili di altre rapine e che le testimonianze di altre vittime possano far emergere ulteriori elementi utili alle indagini.