Truffe, clonavano carte e ricaricavano conti scommesse on line: 31 arresti

0
121

ROMA- Le indagini, condotte dal Nucleo di Polizia Tributaria di Roma e coordinate dalla Procura della Repubblica di Viterbo (Procuratore Capo dott. Alberto Pazienti e Sost. Proc. dott. Renzo Petroselli), nella cui provincia risiedono 19 dei 31 soggetti colpiti dall’ordinanza, sono state avviate a seguito dell’esposto presentato alla Guardia di Finanza da un privato cittadino, vittima del fenomeno del cosiddetto phishing, ossia l’acquisizione fraudolenta on line di dati sensibili, in questo caso relativi a carte di credito, poi utilizzati per prelevare contanti, effettuare acquisti su internet, ecc.

In particolare, il denunciante lamentava di essersi accorto, nel corso di una transazione sul web, di non aver più disponibilità di denaro sulla propria carta elettronica in quanto svuotata del relativo credito a seguito di un’operazione non autorizzata ed effettuata da ignoti su un sito di scommesse.

Partendo da questo singolo caso i finanzieri sono riusciti a ricostruire la consolida operatività di una vera e propria organizzazione criminale, con a capo tre soggetti di origine romena che, attraverso l’uso di mail “trabocchetto” ed altri accorgimenti informatici, riusciva ad impossessarsi delle credenziali (numero della carta e password dispositive) di numerose carte di credito.

Le carte così “virtualmente” clonate venivano poi usate per ricaricare conti di gioco aperti presso l’operatore Sisal Match Point (del tutto ignaro del raggiro), intestati a soggetti dell’Europa dell’Est organici all’associazione criminale. Tali conti venivano quindi usati per effettuare scommesse per così dire sicure (ad esempio, a fronte di una giocata di 100 euro si potevano vincere al massimo 103 euro), con l’unica finalità di ripulire le somme illecitamente sottratte. Il passaggio successivo consisteva nella monetizzazione delle somme vinte attraverso la loro immediata riscossione attraverso prelievi on line dai conti di gioco e contestuale accredito su carte Postepay intestate ai medesimi soggetti. 

Da qui i soldi venivano prelevati in contanti attraverso normali sportelli bancomat postali e bancari. Con questo sistema sono state effettuate ricaricare ai conti gioco per oltre 273.000 euro, attraverso circa 560 operazioni fraudolente su carte di credito (ricostruite anche grazie ai dati forniti da Cartasì S.p.A., Poste Italiane S.p.A. e Sisal Match Point S.p.A), e prelevati più di 255.000 euro. Oltre agli arresti, i finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria di Roma hanno anche sottoposto a sequestro preventivo, su disposizione del Gip del Tribunale di Viterbo, 30 conti gioco Sisal Match Point illecitamente ricaricati e 32 carte Postepay ove sono confluite le somme di denaro provento di reato, unitamente a queste ultime. Con l’esecuzione dell’odierna operazione, le Fiamme Gialle hanno inferto un duro colpo al fenomeno illecito dell’utilizzo fraudolento dei mezzi di pagamento, dilagante negli ultimi anni.

È SUCCESSO OGGI...

INCENDIO ROMA EST GROTTA GREGNA

Roma, incendio in una rimessa di camper e roulottes: colonna di fumo nero (FOTO)

Brutto incendio in via del Flauto, in zona Grotta di Gregna, in una rimessa di camper e roullottes. A prendere fuoco almeno sei mezzo. I vigili del fuoco del comando di Roma sono impegnati  dalle 9...

Campidoglio, a Trastevere una targa per Lucio Dalla. Così Roma ricorda l’artista bolognese

Nella casa di vicolo del Buco a Trastevere Lucio Dalla ci ha vissuto per 10 anni, dal 1980 al 1990. Lì come ricorda l’amico Antonello Venditti - che insieme a De Gregori, Ron, gli...

Tenta di evadere dal carcere, fermato all’ultimo momento

Sventato a Roma pochi minuti fa, dalla Polizia Penitenziaria, un tentativo di evasione dal carcere trasteverino di Regina Coeli. Il detenuto straniero è saltato dai passeggi ma, notato dal personale di Polizia Penitenziaria presso la...

L’Infiorata di Genazzano: al via nel weekend

Il turista che visiterà Genazzano nella notte tra sabato 1 e domenica 2 luglio scoprirà con stupore che le strade, i borghi e le piazze si andranno mano a mano colorando con un tappeto...

Campidoglio: per San Pietro e Paolo divieto di vendita, somministrazione, trasporto bevande contenitori in...

Tutelare l’incolumità pubblica e la sicurezza dei presenti in occasione di manifestazioni che possono comportare la concentrazione di un alto numero di persone in spazi ristretti o delimitati. Con questo obiettivo la sindaca di...