Trastevere, rapinò la stessa farmacia due volte in tre giorni: preso dopo sette mesi

0
30

Evidentemente aveva reputato quella farmacia di viale Trastevere un posto “sicuro” per mettere a segno il suo colpo. Così nel luglio scorso, un romano di 55 anni diversi precedenti di polizia specifici, era tornato in quel locale per compiere una seconda rapina a soli tre giorni di distanza dalla prima.

L'uomo, armato di taglierino, aveva minacciato la titolare facendosi consegnare l'incasso di circa 1500 euro. L'azione era stata velocissima, condotta da vero “professionista” del mestiere. Ma la farmacista, nonostante lo sgomento per la doppia rapina avvenuta nel giro di pochi giorni, aveva notato qualcosa di “familiare” in quel malvivente, seppur celato da un cappellino e col viso parzialmente coperto.

L'intuizione della commerciante non era sbagliata e la conferma è arrivata ieri con l'arresto del 55enne. Partendo dalla testimonianza della donna, infatti, gli investigatori del commissariato Monteverde diretto da Mario Viola hanno acquisito i filmati delle due rapine riprese dal circuito interno della farmacia e anche loro hanno notato la fortissima somiglianza dell’autore.

Gli agenti, tra l'altro, hanno comparato quelle immagini con quelle di altre furti perpetrati in zona, uno su tutti quello compiuto sempre nel mese di luglio in un istituto bancario in circonvallazione Gianicolense per cui il commissariato San Paolo aveva già provveduto ad arrestare un uomo. E' stata la Scientifica a confrontare i fotogrammi relativi alle rapine in farmacia con la foto segnaletica del rapinatore della banca e riscontrare così numerose corrispondenze tra i tratti somatici degli autori dei tre colpi. “L'attivissimo” ladro è stato dunque riconosciuto con certezza dai poliziotti, così l’autorità giudiziaria ha emesso a carico del 55enne un ordine di custodia cautelare in carcere: l'uomo ora dovrà difendersi dall'accusa di una tripla rapina. tipo