Eur, ridotte in schiavitù e mandate in strada: 17enne si ribella e fa arrestare aguzzini

0
66
 

Violenze psicologiche e fisiche che annullavano la loro volontà e sfruttamento dei loro corpi. Una tortura quotidiana che una banda di albanesi perpetuava senza scrupoli contro giovani donne dell'est Europa. L'esca che innescava l'incubo era sempre la stessa: la promessa di una vita migliore in Italia. Che non veniva mai mantenuta. Anzi, senza documenti, lontano da parenti e amici, le malcapitate si ritrovavano da sole. E se provavano a ribellarsi iniziavano le botte e le minacce di ritorsione, anche ai familiari.

A far alzare il velo sul racket della prostituzione la testimonianza di una vittima che dopo più di un anno di suprusi ha trovato il coraggio di denunciare i suoi aguzzini ai carabinieri. Si tratta di una ragazza romena scappata di casa a 16 anni e venduta a un uomo dalla stessa donna alla quale aveva chiesto aiuto. Arrivata a Roma ha passato lunghe notti in piazza dei Navigatori, a lavorare per i suoi carcerieri. La zona prescelta per il “business” dall’organizzazione era il quartiere Eur, sulla Cristoforo Colombo, e la via Salaria. Il quartiere generale, invece, era Centocelle.

Secondo le investigazioni degli uomini del nucleo operativo della compagnia Eur, gli sfruttatori pretendevano 300 euro a settimana dalle ragazze e per assicurarsi i guadagni avevano creato una rete criminale ben organizzata. Nell’organizzazione, infatti, i compiti di ognuno erano chiaramente definiti: i capi decidevano le strategie da adottare nella gestione delle ragazze, indicando ai consociati le abitazioni dove sistemare le giovani donne e assegnavano loro un posto per l’esercizio dell’attività. In tutto sarebbero coinvolti 11 uomini, di età compresa tra i 27 e i 62 anni.

Tra loro anche un uomo di nazionalità egiziana, e un italiano. Il primo si occupava di regolarizzare sul territorio nazionale le ragazze sfruttate dall’organizzazione, stipulando falsi contratti di lavoro al fine di consentire loro di acquisire la residenza a Roma e ottenere documenti d’identità italiani. L’altro aveva compiti meramente logistici: accompagnava le ragazze sul posto di lavoro, forniva loro cibo e altro necessario, ricevendo come corrispettivo oltre a denaro anche prestazioni sessuali gratis. Ora, grazie agli arresti fatti dai militari in esecuzione di un’ordinanza emessa dal gip del Tribunale di Roma, le ragazze sono state tratte in salvo e portate al sicuro.

È SUCCESSO OGGI...

Sergio Pirozzi

Pirozzi chiede le dimissioni dell’assessore regionale Buschini

''Mi ha preso in giro, bando ancora non pronto''. Questo l'attacco del sindaco di Amatrice Sergio Pirozzi, infuriato con l’assessore Mauro Buschini. Il sindaco della città terremotata lo ha detto stamane ai microfoni di Radio Capital,...

Si finge invalido per derubare un’anziana: ecco la sua tecnica

Un Carabiniere libero dal servizio in forza al Nucleo Operativo della Compagnia Roma Piazza Dante ha arrestato un romano di 30 anni, con precedenti, subito dopo aver strappato una collana d'oro dal collo di...

Ricercato arrestato in aeroporto: uccise un uomo nel 2015

I carabinieri di Padova, in collaborazione con la Polizia di Frontiera Aerea di Roma Fiumicino, hanno dato esecuzione ad un arresto, firmato dalla Procura della Repubblica di Padova, nei confronti di un 23enne moldavo, ricercato...
fucile

Infastidito dagli schiamazzi dei ragazzini, gli spara col fucile

Spara ad altezza d'uomo su un gruppo di ragazzini tra i 12 e i 15 anni perché infastidito dai loro schiamazzi. Il gruppetto stava giocando in strada quando l'anziano, fuori di sè, ha imbracciato...

Da una borgata all’altra in motorino per spacciare cocaina

É stato bloccato dagli agenti della Polizia di Stato del commissariato Fidene Serpentara, a bordo del suo scooter in Via Ugo Ojetti, con 426 dosi di cocaina pronte ad essere smerciate al Tufello, borgata...