Frascati, irrompe in centro sportivo armato: fermato dalla polizia

0
23
 

Un uomo di 43 anni, in forte stato di alterazione, è entrato a torso nudo ieri in un centro sportivo di Frascati brandendo una pistola. Subito si è diretto verso due dipendenti del centro urlando frasi sconnesse e minacciandole alla presenza di numerose persone, tra cui alcuni bambini. E' quindi partita la richiesta di aiuto al 113 e dopo pochi minuti alcune pattuglie del commissariato di Frascati sono giunte sul posto.

Nonostante la situazione particolarmente difficile, gli agenti sono riusciti ad instaurare un dialogo con l'uomo e, poco dopo, a disarmarlo. Grazie al tempestivo intervento dei poliziotti, pertanto, nessuno nella circostanza ha riportato conseguenze fisiche. L'uomo, condotto presso gli uffici del commissariato, è stato identificato per C.A., 40enne di Frascati, già sottoposto alla sorveglianza speciale per 3 anni, con precedenti di polizia per associazione a delinquere finalizzata al traffico internazionale di sostanze stupefacenti.

La pistola trovata in suo possesso è risultata essere una Beretta 7,65, denunciata rubata, sulla quale saranno in seguito effettuate le dovute indagini per stabilire il suo eventuale utilizzo in altre azioni criminose. Con l'ausilio di alcune unità cinofile, gli agenti del commissariato hanno poi effettuato una perquisizione all'interno della sua abitazione, rinvenendo alcuni grammi di cocaina, un bilancino di precisione ed un piattino con evidenti tracce dello stupefacente. Le ulteriori indagini che verranno effettuate cercheranno di chiarire i motivi per i quali l'uomo abbia deciso di irrompere nel centro sportivo.

Tra le ipotesi più plausibili sembra esserci la particolare alterazione dovuta all'uso della cocaina, che avrebbe portato l'uomo a minacciare le persone presenti nel centro senza nessun apparente motivo. C.A., al termine, è stato arrestato. Lunga la lista dei reati di cui dovra' rispondere: porto abusivo di arma, ricettazione, minaccia aggravata, detenzione di sostanza stupefacente e violazione degli obblighi della sorveglianza speciale. (fonte Dire)