Roma, tuffavano con la tecnica “rendez moi”: presi

0
39
 

Un 54enne e un 33enne di origini campane sono stati arrestati dai carabinieri di Tivoli per aver raggirato, con la cosiddetta truffa del “rendez moi”, la cassiera di un negozio di uno dei più grandi centri commerciali di Roma. Il primo a entrare in azione è stato il più anziano che una volta entrato nel negozio ha acquistato alcuni prodotti pagando con una banconota da 100 euro. In questo modo avevano la certezza che in cassa vi fosse una banconota di quel taglio. Poi è toccato al complice, il 33enne, che ha fatto acqusti per circa 5 euro, presso lo stesso esercizio commerciale, pagando con una banconota da 50 euro.

La cassiera gli ha dato il resto e quindi il punto cruciale della truffa: il truffatore le ha chiesto di riavere i 50 euro perché gli servivano interi ma nel frattempo ha chiesto alla donna se in cassa avesse una banconota da cento che avrebbe riscattato con due da 50 e, con estrema abilità, l’uomo ha ritirato 100 euro dandone solo 50. Sembra impossibile cadere in una truffa del genere ma i due arrestati sono dei veri e propri professionisti in grado di mandare in confusione chiunque perchè il malcapitato viene distratto dal vorticoso passaggio di contanti posto in essere da lestofanti professionisti.

Questa truffa era stata anche oggetto di un reportage della trasmissione televisiva “Le Iene” che l’avevano definita la nuova frontiera del raggiro. I due truffatori, trovati con 4mila euro in contanti custoditi nelle tasche dei pantaloni, sono stati arrestati e trattenuti in caserma in attesa di essere giudicati dall’autorità giudiziaria competente.