Minidiscariche, erba alta e auto danneggiate: sos parcheggio Trionfale

0
126
 

Prati incolti, motorini abbandonati, immondizia, scritte ovunque, cartelloni pubblicitari strappati, automobili deturpate, vetri per terra. In una parola: degrado. Una situazione alla quale si unisce un problema di sicurezza e di decoro, visto che il territorio è diventato preda di vagabondi, teppisti e ladri. Questa è la fotografia del parcheggio in via Pineta Sacchetti, all’altezza del civico 327, subito prima dello svincolo per via Trionfale.

L’area esiste dal dicembre del 2004, ossia da quando è stata inaugurata la Galleria Giovanni XXIII, che collega Montemario con il Foro Italico e la Tangenziale. Per la sua costruzione via Pineta Sacchetti è stata allargata e nel progetto è stata inclusa anche l’area di sosta, adiacente a una delle uscite della galleria, con intorno un prato che la separa dai palazzi circostanti.

LEGGI ANCHE: XIII Decoro Day a Pineta Sacchetti

«All’inizio eravamo contenti del parcheggio, visto che qui scarseggiano – racconta Francesco, un residente del condominio di fronte – Ma poi abbiamo capito che questo spazio sarebbe stato abbandonato a sé stesso. In poco tempo l’erba e i rovi hanno raggiunto l’altezza di un uomo, era impossibile passare. Solo dopo le nostre proteste sono venuti a tagliare il prato e ora tornano solo quando l’erba è altissima ». Poi c’è il problema dei rifiuti: in questi anni nel parcheggio sono stati abbandonati tv, frigoriferi, divani, wc, batterie per auto, immondizia varia e veicoli senza targa, probabilmente rubati. Alcuni rifiuti sono stati rimossi dopo mesi o anni, altri sono ancora lì. Attualmente, ad esempio, ci sono tre motorini e una vecchia bicicletta, oltre a una macchina semidistrutta.

«Circa tre mesi fa – continua Francesco – sono venuti a rimuovere un pezzo dell’impianto di autolavaggio che c’era prima al posto del parcheggio. Quell’attrezzo è stato abbandonato qui per nove anni. Poi ci sono i cartelloni pubblicitari. Prima delle elezioni ne hanno messi altri che hanno peggiorato la situazione perché fogli e cartacce finiscono sempre per terra. Dopo dieci giorni dal ballottaggio sono venuti a togliere la struttura, lasciando però i cartelloni di carta per terra, ammassati sopra uno dei motorini abbandonati».

Spesso l’immondizia viene lasciata anche sulle scale e davanti la porta dell’uscita di sicurezza della galleria che sbuca sul parcheggio, rifiuti che potrebbero intralciare il passaggio delle persone in caso di emergenza. «Oltre al degrado, il parcheggio non è più sicuro – racconta Chiara, altra residente – all’inizio era sempre pieno, adesso lo è solo di giorno. Dopo diversi furti d’auto e di pneumatici e danneggiamenti vari, ormai la notte poche persone si fidano a lasciarci la macchina. Io ho subito due tentativi di furto e una volta la mia auto è stata imbrattata con la bomboletta spray. Sono stata costretta a metterla in un garage a pagamento».

A completare il quadro di degrado c’è un edificio dell’Acea abbandonato da decenni e deturpato da scritte di giovani vandali spesso intravisti nel parcheggio. L’impianto, che forse è anche pericolante, probabilmente è diventato un rifugio per barboni, anch’essi intravisti: «Anche mentre facevano i propri bisogni vicino al muro, in pieno giorno – racconta Francesco – Una volta c’era un ubriaco disteso sul prato circondato da bottiglie vuote. È probabile che anche le scale di emergenza del tunnel siano il rifugio di qualcuno, visto che tempo fa là sotto c’era un materasso e sporcizia varia».

Qualche cittadino in questi anni ha provato a farsi sentire ma invano: «So che qualcuno ha mandato delle email al municipio e al comune – spiega Francesco – ma a quanto pare non è servito». Nel quartiere il verde pubblico e i parcheggi scarseggiano, perciò quest’area sarebbe utile, se solo fosse curata e più sicura. «Possibile che non si possa fare un giardinetto con aiuole e panchine? – si lamenta Chiara – se l’area fosse curata, e dunque più vissuta dagli abitanti, ladri, teppisti e ubriaconi forse sarebbero scoraggiati dal frequentarla. Speriamo che la nuova amministrazione faccia qualcosa».  

Annalisa Milanese

È SUCCESSO OGGI...

Botte e insulti alla moglie per 20 anni, arrestato a Civitavecchia

È finita, dopo 20 anni, la storia dei maltrattamenti subiti da una donna di 43 anni. Le violenze, secondo quanto denunciato dalla vittima, erano iniziate addirittura nel 1995, quando il marito l`aveva picchiata procurandole...

Roma, carabinieri bloccano stalker sotto casa dell’ex

La scorsa sera si è consumata nella zona di San Pietro l’ennesimo episodio di stalking da parte di un 23enne romano che non aveva accettato la separazione dalla ex fidanzata, che gli è però...

Truffa del self service a Roma: la trovata di un ladro

I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Roma piazza Dante hanno eseguito il singolare arresto di un cittadino del Bangladesh di 38 anni. L’uomo, nella Capitale senza fissa dimora, si trovava nei pressi di un...

Porto turistico Roma, Zingaretti presenta “Un mare di sport”

Vela, atletica, scherma, minivolley, arrampicata. In tutti i fine settimana estivi, fino a fine settembre, il Porto Turistico di Roma offre i suoi ampi spazi per la pratica aperta e gratuita di diverse discipline...
A1

Madre e figlia travolte in strada a Roma: sono gravi

Incidente in via Pineta Sacchetti 55, dove una donna e la figlia minorenne sono state investite. Le due - secondo prime informazioni ferite in modo grave - sono state portate al Gemelli. Disagi alla...