Saldi al via, la crisi divide: attese e preoccupazioni fra i commercianti

0
23
 

Quelli che hanno messo da parte un ''tesoretto'' proprio per l''occasione. Altri invece spenderanno pochissimo. Qualcuno, poi, è assolutamente disinteressato. Alla partenza dei saldi Roma e'' divisa. Via del Corso e'' ancora alle prese con i cartelloni che a breve segnaleranno sconti anche clamorosi, ma tra esercenti e ''shopper'' si sente di tutto.

«La stagione e'' nera!», confida la commessa di un negozio di scarpe, mentre Jaqueline, una ragazza di Lione, in visita nella Capitale, rivela che "per questi saldi ho un budget di circa 800 euro". C''è persino chi, tra i commercianti, non ha la minima intenzione di ''aderire'' alla stagione di sconti perchè «vendo sartoria su misura, un prodotto talmente alto che i saldi neanche li faccio». Il quadro, al centro di Roma, è quindi alquanto variegato. C''è il commesso preoccupato di vendere poco o niente, come pure c''e'' Hans, giovane turista tedesco, che presta piu'' attenzione al divertimento che alle compere e "al massimo potrei prendere un paio di occhiali da sole da 50 euro".

C''è chi ha atteso con sacrifici l'arrivo delle occasioni estive, e chi, anche se siamo alle porte dei saldi, passeggia già con le buste in mano perche'' «l''ho visto e l''ho comprato, degli sconti non mi interessa». Ma sono in pochi a potersi permettere questi ragionamenti. Gruppi di ragazze riempiono invece via dei Condotti per farsi un''idea orientativa. Qui, nella via dello shopping, c''è una certa eccitazione in previsione dei prossimi acquisti, insieme all''auspicio "che Dio ce la mandi buona" da parte del capocommesso di una delle firme piu'' illustri a livello mondiale. Ma c''e'' anche chi invece ha delle certezze: «Venderemo tutto, la gente si è tenuta per tutto l''inverno per sbizzarrirsi adesso». Proprio per questo motivo, secondo molti, sara'' l''italiano a spendere di piu'' rispetto al turista straniero, puntando ad accaparrarsi dai capi piu'' classici, come giacche, scarpe e borse, fino al ''trikini'' (costume da donna diviso in tre pezzi). Uno dei pochi punti di accordo e'' la base di partenza dello sconto, che aggira tra il 30% e il 40%.

(Dire)